Huè, ma in Vietnam è hway!

Huè è una splendida cittadina situata nel Vietnam centrale e la pronuncia esatta del suo nome in vietnamita è hway.
Sviluppatosi oltre il Fiume dei Profumi, la “cittadella” -dichiarata Patrimonio Mondiale dell’UNESCO nel 1992-, racchiude gli edifici dell’Era Imperiale di Nguyen.
Purtroppo molti edifici, all’interno delle mura della cittadella sono stati distrutti durante gli anni di guerra con gli Stati Uniti, ma camminando tra edifici restaurati e rovine, si può captare lo spirito imperiale di quel periodo.

Porta Ngan, cittadella di Huè

La maggior parte dei luoghi di interesse turistico di Hué risiedono entro il perimetro delle spesse mura della Cittadella. La costruzione ebbe inizio nel 1804 e terminò nel 1833; per entrare all’interno si possono utilizzare una delle dieci porte fortificate, ma con ogni probabilità il vostro ingresso avverrà attraversando la Porta Ngan, (Porta del Mezzogiorno) rivolta verso la Torre della Bandiera, dove c’è la biglietteria (ingresso 150.000 VND p/p, tutti i giorni dalle 8:00 alle 17:00), questa torre, alta 37 metri è la piu alta del Vietnam.
L’edificio più importante è il Palazzo di Thai Hoa (Palazzo dell’Armonia Suprema), costruito nel 1803, dove si ammira una spaziosa sala con colonne scolpite e laccate. Il palazzo ospitava i ricevimenti ufficiali dell’imperatore e altre importanti cerimonie di corte.
Oltre questo palazzo, si possono visitare altri edifici, alcuni ben ristrutturati, come il Teatro Reale, altri parzialmente in rovina, come la Residenza di Dien Tho, che comprende gli appartamenti e la sala delle udienze delle regine madri.
Nella zona meridionale del recinto imperiale è dedicata agli edifici religiosi, come il Tempio di To Mieu che ospita i santuari dei singoli imperatori, sulla cima dei quali troneggiano le loro fotografie.
Vicino si trovano le Nove Urne Dinastiche, dedicate ai nove imperatori della dinastia Nguyen.
L’atmosfera che si respira, mentre si visita la cittadella, è davvero suggestiva, ti sembra di essere in un altro mondo, grazie agli splendidi edifici decorati e ai giardini dove è molto piacevole sedersi all’ombra e ascoltare il canto degli uccellini.




Ma Huè non è solamente cittadella, perché abbiamo visitato anche la Pagoda Nazionale Dieu De. Un piccolo tempio diventato importante perché era roccaforte dell’opposizione buddhista e studentesca al governo sudvietnamita e alla guerra. Nel 1966 vi fece irruzione la polizia che arrestò numerosi oppositori, molto bello il soffitto!
Per raggiungere la Pagoda, che si affaccia sul canale Dong Ba, abbiamo camminato a piedi nei quartieri tipici vietnamiti (la città si presta benissimo ad essere visitata  piedi), tra caffetterie, piccoli negozi che si trovano all’interno della case stesse.

Un’altra importante pagoda è la Bao Quoc, costruita nel 1670, si trova in cima a una collina sulla riva meridionale del Fiume dei Profumi. Una volta salita l’ampia scalinata si giunge all’ingresso della pagoda che purtroppo era chiusa, quindi non siamo riusciti a vedere il suo interno.
Subito a nord del Ponte Trang Tien si trova il mercato più importante di Huè, il Mercato di Dong Ba, dove si possono acquistare vari souvenir, come i tipici capellini di paglia vietnamiti, chiamati cappelli dei poeti, ma anche le immancabili mascherine, molto utili se si viaggia con il motorino. Un’altra zona è dedicata ai generi alimentari.

La città nuova o moderna si è sviluppata soprattutto dall’altra parte del Fiume dei Profumi, dove si trovano i ristoranti, le guest house e vari uffici governativi.
Molto piacevole, soprattutto nell’ora del tramonto, passeggiare lungo il fiume, dove hanno allestito alcuni locali molto carini e piccoli negozietti. Si può anche partecipare a un escursione in barca per visitare alcune attrazioni che si trovano nei dintorni di Huè, ma noi abbiamo preferito raggiungerli con lo scooter.

Huè, ma in Vietnam è hway! ultima modifica: 2016-09-02T12:00:42+00:00 da Idea Nomade

Rispondi

Altro... Vietnam
#556.Da Hanoi a Huè (L’imprevisto imprevedibile)

Questo non è proprio il viaggio da Hanoi a Huè, perché a dirla tutta, oggi ci siamo alzati alle 6:00...

Chiudi