#565.Da Huè a Ho Chi Minh City (I fuochi d’artificio)

Oggi è un a giornata un po’ strana di quelle che non finiscono mai. Prima di tutto abbiamo ancora 100 km da fare in scooter per arrivare ad Huè da Danang, secondo la giornata è iniziata nel peggiore dei modi: ruota posteriore bucata e motorino che non parte e come se non bastasse, a metà percorsa, una bella foratura che ci ha obbligato a spendere oltre 400.000 VND per un copertone nuovo.

Ma queste cose si sanno che vanno così sono gli imprevisti del viaggiatore, ma per fortuna che esistono anche le brave persone, perché arrivati verso le 12:00 in albergo dove avevamo noleggiato il motorino, il proprietario ci ha messo ha disposizione un buon piatto a base di frutta e la stanza per risposarci, tutto totalmente gratuito!
Quindi ne approfittiamo per tutto il pomeriggio per riposarci, farci una bella doccia e mettere apposto nuovamente lo zaino, per ricambiare il favore, noi gli prenotiamo per 220.000 VND il taxi per l’aeroporto, anzi una vettura privata con autista. Ebbene si ogni tanto ci lanciamo anche noi in queste sciccherie!

Il biglietto dell’aereo, comprato 5 giorni prima della partenza, ci è costato 1.700.000 VND a coppia, avevamo solo un’orario a basso prezzo quello delle 20:15, altrimenti per 800.000 VND circa c’era il bus che in ben 26 ore ci avrebbe portato comunque a Saigon, cioè la vecchia Ho Chi Minh!
Ma come detto in precedenza ci stiamo trattando bene o forse ci siamo imborghesiti troppo e la scelta è ricaduta sull’aereo!
Arrivati in aeroporto con congruo anticipo, decidiamo di consumare il nostro unico pasto della giornata, ormai siamo come i cani, mangiamo una volta sola e facciamo un semplice pappone di tutto ciò che abbiamo a disposizione.
L’aeroporto di Huè è internazionale, ma a vedere il piccolo tabellone delle partenze, non ci sono voli fuori dal Vietnam, ma solamente voli nazionali, in più oggi 2 Settembre è festa nazionale e gli unici voli sono per Ho Chi Minh ed Hanoi.
Il nostro volo della VietJet è in orario alle 20:15 è prevista la partenza, ma verso le 18:00, quando controllo nuovamente il monitor, vedo con grosso stupore che il volo è stato posticipato alle 21:05!
Chiamo Roberta e gli faccio vedere che è cambiato il volo, lei mi dice: “Che palle, ma così arriviamo più tardi a Saigon e ci perdiamo i fuochi d’artificio!”
Luca: “Li avremmo persi comunque, perché saremmo arrivati tardi per vederli Roby e poi quando mai ti sono piaciuti i fuochi?”
Roberta: “Dammi il biglietto che ci penso io, tu non capisci proprio niente!”




Mia moglie che è una persona molto ragionevole e poco istintiva, prende i biglietti e con la sua calma comunista, va diretta al checkin e chiede perché abbiamo spostato il volo! Dopo 5 minuti tra animate discussione e gesti poco consoni all’occasione, riesco a leggere un labiale da lontano che recita: “Muoviti stupido e prendi i bagagli!”
Luca: “Cosa è successo?”
Roberta: “Ci sono due posti liberi sul primo volo delle 18:30 ci imbarcano subito così non dobbiamo aspettare altro tempo.” In fretta e furia, facciamo l’imbarco e in pochi minuti siamo dentro l’aereo, che non è del tutto pieno, ma il programma della compagnia aerea qualche giorno prima mi indicava come tutto pieno!
Alle 20:30 siamo già fuori dall’aeroporto di Saigon, sull’aereo non si è potuto dormire per niente perché il n numero di bambini sotto i 5 anni era maggiore degli adulti, quindi potete bene immaginare il baccano ed i capricci da parte di questo piccolo popolo.

Ci avviciniamo al banco dei taxi chiediamo informazione sul costo di un taxi per il centro, vogliono, ben 220.000 VND, rifiutiamo e andiamo alla ricerca del bus giallo numero 109. Appena arriviamo alla fermata, c’è un ragazzo vietnamita che per 40.000 VND p/p ci offre il collegamento rapido con lo Shuttle Bus, accettiamo e ci sediamo ad aspettare.
Dopo circa 20 minuti è arrivato il bus giallo, ma numero 109, saliamo tutti sopra, a bordo c’è anche una coppia italiana appena arrivata e sotto schock dal fuso orario. Il bus è molto comodo: aria condizionata, wifi e possibilità di comprare SIM card 3G e acqua a bordo, ma la sorpresa più bella è che il biglietto costava 20.000 VND p/p, anche per oggi i vietnamiti sono riusciti a fregarci…
In città c’è il caos per la festa del 2 Settembre, infatti rimaniamo imbottigliati nel traffico, ma finalmente tra una rotonda ed un semaforo rosso, Roberta riesce a vedere i suoi amati fuochi d’artificio!

#565.Da Huè a Ho Chi Minh City (I fuochi d’artificio) ultima modifica: 2016-09-08T12:00:03+00:00 da Idea Nomade

Rispondi

Altro... GdM : Le Tappe, Vietnam
Come noleggiare uno scooter in Vietnam

Noleggiare uno scooter in Vietnam è sicuramente il metodo migliore per risparmiare e mantenere un low-budget delle proprie vacanze, meglio...

Chiudi