Chiang Rai è anche un’ottima base di partenza per un’escursione in scooter al Triangolo d’Oro. Questa è la zona del Mekong in cui confinano la Thailandia, il Laos e il Myanmar.

Escursione in scooter al Triangolo d'Oro

Il Mekong, divide il Myanmar (sinistra), il Laos (destra) e la Thailandia

Si può raggiungere con i bus della Greenbus, tramite un tour organizzato (1.000 THB a persona) oppure noleggiando uno scooter al prezzo di 200 THB al giorno!




La distanza tra Chiang Rai e Sop Ruak, il paesino in cui il fiume Mae Sai si getta nel Mekong, è di circa 70 km, una bel tour panoramico in mezzo alla campagna tailandese. Vi consigliamo vivamente, di noleggiare uno scooter buono, la cilindrata minima deve essere di 125cc!

Per fortuna la strada è molto larga e ben tenuta e non abbiamo mai trovato traffico, anzi in certi momenti eravamo addirittura soli!

Il paesaggio, subito dopo Chiang Rai, è caratterizzato da campi coltivati, risaie, piccoli villaggi con case in legno e palafitte. Le montagne, avvolte dalla foschia, rendono lo scenario ancora più emozionante. Ovviamente nel percorso si osservano vari templi buddisti, ma anche moschee e qualche chiesa.

Quando ci avviciniamo verso il Triangolo d’Oro, ci sono vari check point della polizia, d’altronde siamo quasi al confine, ma noi non siamo mai stati fermati.

IMG_0022

Entrata al Triangolo d’Oro

L’espressione Triangolo d’Oro, in realtà si riferisce a un’area ben più grande tra Thailandia, Myanmar e Laos, di cui l’attività principale era la produzione e il commercio dell’oppio.

Attualmente, grazie all’intervento e agli incentivi dei governi locali – in special modo quello thailandese – e alle forti pressioni dell’ONU, le popolazioni dell’area hanno potuto intraprendere da alcuni decenni una lenta opera di riconversione agricola e dedicarsi a coltivazioni legali, quali quella del caffè.

La redditizia produzione d’oppio resta tuttavia diffusa ancora oggi, in alcune aere del Myanmar e del Laos. Infatti in alcuni villaggi di montagna si continua a coltivare il papavero da cui viene ricavato l’oppio.

Casa dell’Oppio

Appena arrivati, siamo andati a visitare la Casa dell’Oppio, costo dell’entrata 50 THB p/p (comprende una cartolina in omaggio), qui viene illustrata la storia dell’oppio, le sue origini e la coltivazione del papavero.
Inoltre si osservano vari strumenti utilizzati per fumare l’oppio, tra cui le pipe e i comodi cuscini dove sdraiarsi. In un’altra zona del museo, viene raccontato i vari effetti che provoca l’oppio sulla salute e le pene inflitte in Thailandia, per chi lo coltiva o lo trasporta.

IMG_0037

House of Opium

IMG_0056

Posizione corretta per fumare l’oppio. Opera del museo dell’oppio

Nel piano superiore si trovano alcune splendide fotografie delle donne giraffa, una tribù di donne birmane, scappate dalla dittatura e rifugiate in Thailandia, che utilizzano anelli per allungare il collo.

Dopo il museo, andiamo a fare le classiche fotografie di rito davanti alla scritta Triangolo d’Oro, ammirando lo splendido panorama sul Menkong.
Da qui partono anche le barche che attraverso il confine verso il Laos oppure si possono prendere le longtail boat per fare un giro sul Mekong.

Phra Chiang Saen Si Phaendin e Wat Prathat Pukhao

Nelle vicinanze del porto, hanno realizzato un grande Buddha, il Phra Chiang Saen Si Phaendin che è stato costruito su una piattaforma a forma di barca. Dall’altra parte della strada si trovano alcuni ristoranti e varie bancarelle.

IMG_0105

Phra Chiang Saen Si Phaendin

Salendo le scale che si trovano vicino alla Casa dell’Oppio, si raggiunge il tempio Wat Prathat Pukhao. Uno splendido tempio in cui si gode di un bellissimo panorama, migliore di quello sulla strada.

Dopo raggiungiamo la Hall of Opium, un museo e un centro di ricerca su questa sostanza. Il prezzo del biglietto è di circa 200 THB p/p, decidiamo quindi di saltarlo. Troppo caro per le nostre tasche.

Grotte di Mae Sai

Proseguendo in scooter, raggiungiamo le grotte che si trovano vicino a Mae Sai. Si affacciano su uno splendido lago, dove alcuni bimbi si divertivano a fare il bagno. Per raggiungere la grotta, bisogna attraversare un ponte traballante in legno e osservare dei simpatici pesci gatto.

L’altra grotta è quella di Tham Pum-Tham Pla, dove si trova un tempio, simpatiche scimmie, un lago con moltissimi pesci e una piccola gabbia dove si osservano tre coccodrilli, un po sacrificati. Abbiamo visitato in parte la grotta, solo la zona che era illuminata e abbiamo ammirato splendide stalagmiti e alcune statue del Buddha.

Le scimmie girano fra i turisti in cerca di cibo e sono abbastanza aggressive, anche perché si continua a dare loro cibo non adatto.

IMG_0214

Lago a nord di Chiang Rai

IMG_0219

Ponte traballante

IMG_0228

Tempio di Tham Pum-Tham Pla

IMG_0289

Le adorabili scimmiette

Tornando verso Chiang Rai, visitiamo la Choui Fong Tea Plantation, una enorme distesa di piante da te, ordinate e molto curate. Un luogo davvero incantevole dove riposarsi e degustare una tazza di te.

DCIM101GOPRO

Piantagioni di te

Presi dalla curiosità, abbiamo provato a visitare il villaggio delle “donne giraffa“, ma appena arrivati, un ragazzo con aria strafottente ci ha ordinato di pagare un biglietto di 300 THB a testa. Ci è sembrato davvero un prezzo esagerato, soprattutto visto che questi soldi non vanno alle donne, così ce ne siamo andati.

Altro... Itinerari in scooter, Thailandia
Chiang Rai in bianco e nero

Chiang Rai è famosa soprattutto perchè ospita due splendide attrazioni che non si possono assolutamente perdere. Stiamo parlando del White Temple...

Chiudi