Johannesburg in passato era nominata la città dell’oro, dallo zulu eGoli che significa luogo d’oro, ma è anche famosa per possedere dei piccoli record che la distinguono da altre città:

Johannesburg

Johannesburg (Foto Pixabay)


– 50ª città al mondo per numero di abitanti;
– è la terza città più popolata dell’Africa subsahariana dopo Lagos (Nigeria) e Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo);
– si erge a 1800 metri di altitudine, senza avere sbocchi sul mare e nessun fiume;




– è considerata il principale polo economico, finanziario e bancario del paese e dell’intero continente africano, con la Borsa di Johannesburg che è la più grande Borsa dell’Africa e una delle venti più grandi del mondo;
– Johannesburg include la township più grande del Sud Africa: Soweto;
– è la città in cui ha vissuto e morto il politico e attivista dell’apartheid più grande di tutti i tempi: Nelson Mandela.

Che cosa vedere a Johannesburg

La città si estende per decine di chilometri con oltre 33 sobborghi, rappresentando una delle tante contraddizioni di un Paese che ha cancellato la realtà dell’Apartheid solo da pochi decenni. Per capire meglio la città, non bisogna fermarsi solo al centro cittadino, ma proseguire fino a Soweto, dove è ospitata la più grande comunità di colore.

Centro Cittadino

Qui si possono osservare alcuni degli edifici coloniali più belli tra cui il ”Mandela e Tambo Law Office”, dove negli anni 50, questi due celebri uomini avviarono il loro studio legale. La cosa che più colpisce è l’atmosfera che si respira in questa città: venditori ambulanti, profumo di mais e carne cucinate nelle bancarelle, rendono il centro cittadino davvero unico.

New Town

Attualmente rappresenta l’area di rilancio del centro urbano. La piazza Mary Fitzgerald Square è animata da caffè, negozi e musei ed è diventato il punto culturale di Johannesburg. Nella piazza troverete anche delle teste scolpite da artisti con materiali ricavati da vecchi vagoni.

Il Museum Africa è ospitato nel vecchio mercato della frutta, mentre il Market Theatre ospita invece spettacoli, bar e ristoranti.
New Town è dominato dal Nelson Mandela Bridge, inaugurato da Mandela, quando compì 85 anni. Questo ponte rappresenta la voglia di recuperare alcune aree degradate della città ed è il più lungo dell’Africa Meridionale.

Nelson Mandela Bridge

Nelson Mandela Bridge (Foto Pixabay)

Sobborghi meridionali

L’Apartheid Museum è uno dei musei più importanti della città, vi consigliamo di spenderci un po’ di tempo all’interno di questa struttura.
Illustra l’era della segregazione razziale in Sud Africa, attraverso documenti, film e foto che vi toccheranno il cuore. Obiettivo principale è cercare di far capire al visitatore cosa voleva dire vivere durante il periodo dell’Apartheid- Per esempio, all’entrata del museo vi daranno una tessera che attesti la razza a cui appartenete e dovrete entrare nell’ingresso corrispondente. All’uscita del museo, si trova un giardino che rappresenta il valore della libertà.

Studenti di Soweto

Studenti di Soweto

Soweto

Dopo aver visitato questo museo, avrete sicuramente la curiosità di visitare la più “famosa” township di Johannesburg: Soweto. La più grande township del Sudafrica fu fondata appositamente per ospitare sudafricani neri ed è divenuta successivamente simbolo del movimento anti-apartheid.

Ciminiere di Soweto

Ciminiere di Soweto (Foto Pixabay)

Per arrivare a Soweto, vi consigliamo di affidarvi un driver che vi porta direttamente a destinazione. Esistono anche dei tours organizzati che vi faranno visitare la township.
Camminare tra le sue stradine, vi farà toccare con mano la dolorosa realtà del razzismo e delle differenze sociali che ha creato e che, nonostante i progressi, persiste ancora oggi.
A Orland West troverete l’unica via al mondo che può vantare di aver ospitato due premi Nobel per la Pace: Mandela e l’arcivescovo Tutu.

L’ex casa di Mandela è diventata il Museo Nelson Mandela. Un altro museo da non perdere è l’Hector Pieterson Museum, che commemora la terribile repressione studentesca del 1976!

Hector Pieterson Museum

Hector Pieterson Museum

Sicurezza

Fra i tanti record che possiede Johannesburg, uno è legato alla criminalità, infatti rappresenta una delle città con il più alto tasso di criminalità al mondo. In realtà bisogna fare attenzione come in qualsiasi metropoli, ci sono dei quartieri che è meglio evitare durante le ore notturni. E’ opportuno girare facendo la massima attenzione ed usare le normali precauzioni del caso.

Molte case sono tutte circondate da filo spinato o elettrificato, molti quartieri hanno i guardiani privati che controllano giorno e notte, a dimostrazione che la criminalità esiste. Quindi fate un minimo di attenzione in più.