Possono sembrare come sempre tanti i mesi trascorsi in viaggio, ma per noi sembra sempre ieri che siamo partiti.
Al 7 mese di viaggio incomincia ad affiorare un po’ di stanchezza. Mi spiego meglio.

DCIM100GOPRO

Le #2caprenelmondo a Nazca

Non siamo stanchi di viaggiare, nel senso letterario di partire, ma piuttosto non ce la facciamo più con alcune situazione anche quelle più banali come ad esempio mangiare riso in bianco o attraversare di corsa la strada perché qualcuno ti può investire.

A volte, ci sono giorni che vorresti essere nel tuo bel paesello, a prenderti un buon aperitivo con gli amici, andare a vedere una partita di pallone allo stadio, dormire nel tuo bel lettone o farti un bel giretto in bici.




Queste sono cose che si possono anche fare quando sei all’estero, ma non sono la stessa cosa e dopo 7 mesi di viaggio ti accorgi che piccole cose iniziano a mancarti.

Sicuramente non sono solamente le cose negative che si vivono quando si viaggia per molto tempo, infatti la cosa bella è che impari a fare amicizia sin da subito con persone diverse da te.

Ad oggi non si contano più le persone che abbiamo conosciuto, sono tantissime di ogni razza, religione e classe sociale.
Un’altra cosa che percepisci del tuo cervello che sta cambiando è quella di non ricordarti più i concetti nella tua lingua madre.

A volte non ti ricordi più come si dice una determina parola, e altre le dici solamente in spagnolo (visto che noi siamo qui in Sud America) è veramente buffa come situazione, ma la cosa bella è che impari molto velocemente un’altra lingua.

A proposito di lingua, ormai lo spagnolo se viene parlato in maniera normale lo capiamo molto bene, a parlarlo invece presentiamo alcune lacune, dettate anche dal non aver mai studiato l’idioma.

ITINERARIO

Ormai manca poco alla fine del nostro viaggio in Sud America, siamo in Perù e mancano solamente Bolivia e Cile al termine del nostro viaggio in questo splendido continente.
Proprio qui in Perù abbiamo superato i 50.000 Km percorsi, un piccolo record.
Schermata 2015-09-15 alle 00.33.19
Per ora il nostro itinerario non ha subito variazioni, solamente una deviazione a Huancabamba e una sosta forzata a Lima (leggi qui), ma per il resto proseguiamo spediti a Santiago

SALUTE

Roberta incomincia a dare segni di cedimento. La sua salute è quasi sempre precaria, continua a trascinarsi dietro stracci d’influenza, sommate a quelle intestinali, un vero peccato, anche se in questi ultimi giorni è molto forte!

DENARO

Il budget è sempre rispettato anche per l’Ecuador. Qui pensavamo che il dollaro US, avrebbe influito totalmente sulla nostra spesa giornaliere ed invece c’è l’abbiamo fatta anche sta volta.

L’unica cosa da segnalare come promemoria futuro è quella di aver perso il bancomat di Roberta e un addebito strano, vedremo nei prossimi giorni come si evolverà la storia.
Se anche tu sei malcapitato in un “cajerò automatico” che non ti vuole restituire pi il bancomat leggi qui.

CIBO

Questo è sempre il nostro tallone d’Achille – qui ci caschiamo sempre come due polli – non riusciamo mai a trattenerci sul buonissimo cibo da strada. Proviamo tutto, forse anche troppo, speranzosi che i vaccini facciano sempre effetto e poi d’altronde il bello di viaggiare è anche quello di “mangiare”. Il ceviche in Perù è veramente una droga!

IMG_9586

Ceviche in concha negra

ALLOGGI

Siamo stati molto fortunati, sia con i couch, non potremo mai dimenticare la casa di Loja, sia gli alberghi economici e sia l’ospitalità dei nostri amici di Lima e di Ica. Ancora grazie Sig. Rios per avermi fatto trovare il caffè Lavazza a casa sua.

TRASPORTI 

Continua la nostra astinenza dai treni, con oggi siamo a sette mesi di viaggio senza utilizzare il treno.

ATTRAZIONI TURISTICHE

Non sappiamo se inserirla fra le attrazioni turistiche, ma sicuramente partecipare ad un rituale religioso come quello che abbiamo sostenuto a Huancabamba è stata per ora la cosa più strana e più bizzarra fatta in vita nostra, veramente una cosa senza senso!

Altra attrazione divertente è stato buttarsi con le tavole da sandboarding, giù per le dune di Ica e viaggiare a tutta velocità con le dune buggy!

#2caprenelmondo in versione rider

#2caprenelmondo in versione free-rider

OGGETTI SMARRITI & ROTTI

I nostri zaini (solo quelli grossi, per fortuna) incominciano a presentare gravi segni d’usura, ma confidiamo sempre nel “dio viaggiatore” che possa proteggerli da urti e intemperie.
Forse il problema più grande è dato dalla piccola compatta digitale, sembrerebbe che non riesca più a scattare foto nitide, ma presentano sempre una leggere sfocatura.

La cosa positiva è che abbiamo trovato la cover nuova per l’iPad mini, gli abbiamo dato una nuova vita, inoltre abbiamo gettato via i guanti con qui abbiamo lavorato nella Finca di Socorro.

IMG_6248

I nostri primi guanti utilizzati in Colombia

IMG_6256

Pantaloni gettati via da Roberta

Per finire Roberta ha gettato via dalla disperazione un paio di pantaloni, diceva che erano un acquisto errato; io invece ho acquistato un paio di boxer nuovi a discapito di un paio di mutande (gettate via), per la modica cifra di 10,0 PEN.

INTERNET

Tra Ecuador e Perù, non abbiamo ancora avuto grossi problemi con le connessioni, solo a casa della nostra couch di Ica, era sprovvista, ma per il resto ci siamo sempre aggiustati, in Perù la connessione può costare circa 1,0 PEN all’ora.

INCONTRI

Il nostro secondo record assoluto di gg No Italy (cioè giorni senza incontrare italiani o almeno scambiare due chiacchiere) è caduto dopo 36 giorni. A Nasca abbiamo incontrato una simpatica coppia Toscana. Infine non dimenticheremo mai l’ospitalità ricevuta a Ica dalla famiglia dal cognome impronunciabile: Chacaltana, gli zii sono stati veramente gentile con noi e per una volta ci hanno fatto sentire veramente a casa.

LAVORO

Niente da segnalare.

NEWS

Un piccolo assestamento dell’Euro rispetto al Dollaro Americano, adesso oscilla sul valore medio di 1,10.

Altro... Mesi in Viaggio
6 Mese di Viaggio

Anche per noi è arrivato Ferragosto, ma questa volta è speciale. Si festeggia...! Fino a qualche tempo fa, pensavamo che fosse...

Chiudi