20 mesi di viaggio e sentirli tutti! E così che ci sentiamo da qualche giorno a questa parte: stanchi, vecchi, puzzolenti, affaticati, sempre con gli stessi stracci addosso (perchè ormai quelli abbiamo) e con tanta voglia di mangiare sano e italiano, ma quello vero!

DCIM104GOPRO

Le #2caprenelmondo nel mare delle Filippine

E’ questo quello che si prova a vivere in viaggio per 20 mesi! 20 mesi sono proprio tanti, c’è chi vive un anno in Australia con il WHV, altri che prendono un’aspettativa di un anno e altri ancora che fanno il giro del mondo con un RTW Ticket, ma ormai persone che viaggiano da così tanto tempo come noi, non le abbiamo più incontrate.




Ormai ci fermiamo sempre più spesso a pensare al nostro rientro a casa, quella casa che abbiamo lasciato a Febbraio di quasi due anni fa ed è proprio in quel preciso istante che si è fermato il nostro orologio temporale, perché pensiamo di ritrovare tutto come allora, quando invece è impossibile!

Solo adesso capiamo, perché tutti gli immigrati italiani che hanno lasciato l’Italia negli anni 50, hanno ancora tutto oggi un ricordo della patria fermi 50 anni fa! E come se tutto si fosse fermato a quella data, come se tu non fossi mai andato via da quello spazio-tempo, tutto attorno cambia, ma lì a casa tua, sei convinto che invece sia sempre tutto uguale, con ogni cosa al suo posto!

Oggi mentre facevamo colazione insieme ad una coppia nepalese con figlia a seguito, scopriamo che la piccola ha 21 mesi di vita, vale a dire che noi mentre ci trovavamo ad Ushuaia in Argentina, lei era appena nata!
E’ strano pensare a questo lasso di tempo e collegarlo ad una “vita”: perché 20 mesi di viaggio sono proprio tanti!

Ma per fortuna che in nostro soccorso sono arrivati Sabrina e Michele, che ci hanno portato una ventata di italianità e di positività! Anche questo se vogliamo è strano, cioè conoscere due persone in Perù e rimanere in contatto per più di un anno attraverso i “famosi social media” e potersi rincontrare a Kathamandu.
A noi hanno dato la carica giusta per affrontare questa ultima parte di viaggio.

#4caprenelmondo

#4caprenelmondo

Ma il 20 mese di viaggio, lo ricordiamo anche per alcuni “simboli” che abbiamo ricevuto!
Primo: siamo arrivati in Nepal durante la festa più importante del paese, vale a dire il Dashain, dove più che una festa religiosa, sembra una vera è propria mattanza di animali. L’unico problema, è che l’animale più utilizzato per il sacrificio sia stato la capra. Questo sta a simboleggiare la fine del nostro viaggio!

Secondo: l’incontro con i nostri amici arrivati dall’Italia. Questo simboleggia che a casa abbiamo ancora qualcuno che ci aspetta e che forse non è tutto da buttare nel nostro paese!




Terzo: l’incontro avvenuto con Klaudia e Giovanni di Vivere e Viaggiando, i quali hanno iniziato la loro nuova avventura più o meno il nostro stesso giorno, ma solamente tre mesi fa. Questo simboleggia che arrivato il momento di tornare a casa e lasciare il testimone a qualcuno altro!

ITINERARIO

L’itinerario globale non è stato modificato (ormai manca poco al nostro rientro) attualmente ci troviamo in Nepal come da programma!

Le uniche due modifiche se così le possiamo chiamare, sono l’esclusione del “trekking al campo base Everest” (in quanto previsto) e l’esclusione del viaggio in Tibet (escluso per motivi economici e politici).

Dopo i divieti della Cina, in Tibet si può arrivare solo per via aerea e con guida locale, a questo punto non ci sentivamo di regalare oltre 2.000$ USD a persona al governo cinese!

SALUTE

Problemi tanti. Avevamo già preventivato che in Nepal saremmo stati mali, questa volta è toccato alla povera Roby, che ha avuto un grosso virus intestinale che gli ha causato vomito e diarrea per due giorni filati. Ma attualmente (dopo aver preso l’antibiotico) sembra che le condizioni fisiche siano migliorate.

DENARO

Siamo in fase di controllo della spesa giornaliera. Le Filippine tutto sommato hanno alzato un po’ la media giornaliera totale, ma senza sforare.

Qui in Nepal ci stiamo concedendo qualcosa fuori dalla nostra portata, come esplorare la valle di Kathmandu in taxi, ma meno male che con noi c’erano anche le altre capre di Michele e Sabrina, con cui abbiamo potuto condividere la spesa

CIBO

Abbiamo avuto la fortuna enorme che Sabrina e Michele ci abbiano portato un buon vino italiano e sopratutto del salame, del prosciutto e del formaggio! Vi possiamo garantire che ci hanno dato una bella carica, anche perché i nostri palati non ricordavano più questi gusti…!

Il tripudio maggiore è stato mangiare il formaggio, sorseggiando un buon bicchiere di vino rosso. E’ proprio strano come ci si possa dimenticare di queste piccole cose, che vogliamo dire, sono cose comuni e banali quando ti trovi a casa tua, ma non quando sei all’estero!

Abbiamo diminuito enormemente anche il consumo di birra e degli alcolici in generale, così come quello dei dolci.

La grande abbuffata

La grande abbuffata

ALLOGGI

Di bassissima qualità, tutte le nostre ultime sistemazioni sono state appena sufficiente, a volte erano delle vere e proprie betole senza nemmeno un senso, nonostante fossero classificati come hotel!
Dopo parecchio tempo (non sappiamo precisamente quanto) abbiamo dovuto riutilizzare i nostri asciugamani, perché quelli offerti erano più che altro stracci, infatti li abbiamo utilizzati per asciugarci i piedi!

TRASPORTI 

Siamo ricorsi ancora una volta (e forse anche l’ultima) allo scooter, questa volte lo abbiamo utilizzato nelle Filippine.
Abbiamo preso il nostro 37° volo e il numero dei veicoli ha superato nettamente quello dei bus!

ATTRAZIONI TURISTICHE

Quasi tutte le principali attrazioni di questo 20 mese di viaggio sono state viste nelle Filippine.
In ordine abbiamo gironzolato per l’isola di Bohol, poi ci siamo spostati a Palawan, per vedere il fiume sotterraneo più lungo del mondo e la baia di Bacuit.
Con un altro aereo siamo tornati nell’isola di Manila, ma non prima di vedere le risaie di Batad e Banaue.

OGGETTI SMARRITI, ROTTI o NUOVI

Al 20 mese di viaggio io (Luca) mi sono comprato una maglietta nuova, gettando un’altra vecchia e consumata.
Roberta dal canto suo ha gettato via una gonnellina, un vestitino ed una maglietta, possiamo dire che si sta rifacendo il guardaroba nuovo, senza spendere un centesimo!

Il regalo più bello è stato quello di Sabrina e Michele e cioè la maglietta con il logo del nostro blog! Che figata, non avevamo una maglietta così dal Sud America…

img_9502

Maglietta nepalese nuova

INTERNET

Ultimamente sta diventando una grossa piaga, perché riuscire a trovare una buona connessione che sia stabile e veloce è veramente difficile.
Nelle Filippine persino la connessione dati 3G del telefonino non funzionava e nelle grandi città internet non era mai veloce. Qui in Nepal la questione è la stessa, poco e mal funzionante.

INCONTRI

Per quasi quattro settimane non abbiamo visto italiani, fino a quando non abbiamo incontrato a Kathmandu, la pazza coppia di Sabrina e Michele e i ragazzi di Vivere Viaggiando.

img_9497

Klaudia e Giovanni di Vivere Viaggiando

LAVORO

Niente da segnalare

NEWS

-La sterlina inglese ha perso quasi il 16% rispetto all’Euro, mentre il cambio con il dollaro americano rimane costante a 1,10
-E’ morto Dario Fo. Adesso puoi far cantare gli angeli!

Altro... Mesi in Viaggio
19 Mese di Viaggio

E' passato anche questo mese, ma questo più degli altri, cioè il 19 mese di viaggio rimarrà nei nostri ricordi...

Chiudi