Choukran Marocco, perchè è questa la prima parola che abbiamo imparato: Grazie Marocco! In tanti ci hanno detto che il Marocco è  un bellissimo paese e avevano ragione, ma non è solo questo ad essere fantastico…

Choukran Marocco

La Carovana


Sin dall’inizio c’è stato un bel feeling fra di noi. Non sappiamo se sia stata la temperatura quasi estiva (nonostante fossimo in autunno), il buon cibo, i paesaggi magnifici, la popolazione o forse perchè eravamo in viaggio con i nostri vecchi amici…




Oggi che abbiamo trascorso un pò di tempo assieme, possiamo dire Choukran Marocco, perchè tu hai tanto da offrire ai turisti e l’aspetto che ci ha maggiormente colpito sono i marocchini. 

Si, quelle persone, che in molti in Italia considerano solamente spacciatori o violenti e invece, grazie a questo il viaggio, abbiamo smontato completamente questo stereotipo e pregiudizio. 
Choukran marocchino, per tutte quelle indicazioni utili che ci hai fornito, per tutte quelle volte che ci hai aiutato a riparare le ruote bucate, per le estenuanti contrattazioni, per le varie truffe, per tutti i selfie e per tutti i tuoi sorrisi veri e sinceri.
Choukran Marocco, per averci fatto bere il tè nel deserto con i nomadi, per averci portato in giro con i touareg e averci fatto conoscere per la prima volta la cultura berbera. E poi quanto è figa la scrittura berbera…?

Grazie Marocco per averci deliziato con il tajin di pollo e prugne (e noi che pensavamo che ci fosse solo il cous cous), con il tè alla menta (forse adesso siamo più dipendenti che mai), con le tue buonissime spezie, con i tuoi dolci e e infine con il tuo pane…
Abbiamo sempre mangiato come se non ci fosse un domani e grazie a te non siamo mai stati male! 

Luca e il panettiere marocchino

Luca e il panettiere marocchino

Choukran Marocco, per non averci fatto prendere una multa e per non aver commesso un’incidente. E’ stato bello guidare attraverso la montagna e il deserto. Vedere queste strade vuote e rettilinee ci ha trasportato al secolo scorso, quando i carovanieri viaggiano con la loro merce per giorni e giorni.
Non avremmo mai immaginato prima d’oggi che avevi così tante strade e autostrade che ti portano un pò ovunque, ma non pensavamo neanche che avevi così tanti poliziotti a pattugliare.

Roby nel deserto

Roby nel deserto

Attraversare le gole del Todra e del Dades è stato fantastico, tanto quanto arrivare nel deserto e attraversalo a dorso di un dromedario. Vivere nel deserto è una cosa che abbiamo sempre sognato e tu finalmente hai realizzato uno dei nostri sogni più grandi.

Conoscere città come: Marrakech, Chefchaouen, Fes, Meknes, Rabat e Casablanca, è stato un pò come viaggiare nel tempo, perchè ognuna di loro ha una storia diversa da raccontare, attrazioni meravigliose, segreti e vizi. Ah, a proposito, speriamo di ritornare presto a Chefchaouen, perchè non abbiamo finito di assaggiare i profumatissimi prodotti del Rif!

Luca e Roby a Chefchaouen

Non si può essere stati in Marocco senza aver imparato a dire grazie: “Choukran Marocco!”

Altro... Grazie, Marocco
Marocco Budget
Marocco Budget

Marocco Budget è un post dedicato a tutte le spese sostenute in viaggio in modalità fai da te. Può essere...

Chiudi