#525.Da Don Det a Vientiane (Ma Bruno dov’è…?)

E’ ora di lasciare Don Det e le 4000 isole, per  raggiungere la capitale del Laos: Vientiane!
Il biglietto lo abbiamo comprato in un’agenzia dell’isoletta per 180.000 LAK p/p, perché in guest house ci sarebbe costato un po’ di più e alla fine il servizio sarebbe stato lo stesso.

La barca che ci viene a prendere direttamente nel bungalow passa in anticipo, è già tutta piena di turisti, ma per fortuna che il tragitto è breve (circa 10 minuti), l’unica cosa brutta è che quando arriviamo nella terra ferma ci lasciano proprio vicino allo scarico della fogna, senza che ci sia una passerella o qualcosa altro per abbandonare la barca…
Nel piccolo villaggio di Nakasong, ci controllano i biglietti e veniamo smistati in base alla nostra destinazione, da una parte chi va a Pakse, chi va a in Cambogia e chi come noi va a Vientiane!
A noi è stato riservato un piccolo minivan, per tutti gli altri un normale bus.
Riusciamo a disporci comodamente nell’affollatissimo minivan, anche se dobbiamo tenerci i bagagli sulle gambe e in mezzo alle gambe.
Siamo tutti occidentali, quasi tutti giovani e nessuno italiano, ma appena dico quest’ultima frase a mia moglie, ecco che l’unico uomo anziano seduti vicino a noi dice: questa lingua mi sembra di conoscerla!

IMG_1150
Arrivo con la nostra barca sulla terraferma, vicino alla fogna!

Strano ma vero, abbiamo un italiano tutto solo e soletto che viaggerà con noi fino a Vientiane, un caso più unico che raro per le caratteristiche medie di un italiano!
Ci presentiamo e dopo una breve conversazione capiamo subito che Bruno, non è un uomo normale come tutti gli altri, ha vissuto in Africa, attualmente vive a Londra ed il suo passato è pieno di viaggi, mischiata ai suoi 69 anni, lo rendono un vero viaggiatore “old style”, tanto quanto lui ci reputa, quando gli diciamo che stiamo viaggiando da più di 17 mesi!
Dopo circa 2 ore di viaggio, attraverso la campagna meridionale del Laos con il nostro minivan tra capanne e ponti, arriviamo nella piccola cittadina di Pakse, qui scendiamo alla stazione dei bus VIP diretti nella capitale.
Andiamo nella nostra agenzia per convertire il nuovo biglietto, qui fa molto caldo forse perché sono le 2 del pomeriggio, comunque il nostro bus, “lo sleeping bus”, partirà alle 20:30, quindi abbiamo tutto il tempo per andare a pranzare e girarci la cittadina con molta calma!




Le ore che mancano alla partenza le passiamo in compagnia di Bruno, che in questa pomeriggio assolato tra il pranzo, il caffè freddo ed un giro al mercato ci racconta tutta la sua vita, ma alla fine il bello di viaggiare è anche quello di conoscere gente nuova, ascoltare le varie storie e condividere le proprie passioni.
Alla sera, quando il caldo è opprimente e non si fa altro che sudare, arrivano tanti , tantissimi altri turisti, il bus terminal è invaso da ragazzini anglosassoni.
Alle 20:00 in punto (i laotiano per ora ci appaiono puntuali) aprono il bus e noi per la prima volta in oltre 500 giorni di viaggi, mettiamo piede in uno sleeping bus!
Questi bus, sono molto diffusi in Vietnam, Cambogia e Laos, in poche parole non hanno i sedili normali come tutti gli altri, ma comodissimi letti, l’equivalente delle nostre vecchie cuccette dei treni.
Io e Roberta ci disponiamo nei nostri posti, sulla parte superiore, sotto abbiamo una coppia asiatica e davanti a noi c’è Bruno con un ragazzo cinese!

IMG_1204
Le #2caprenelmondo al primo viaggio con gli sleeping bus

Anche se il bus ha un bagno, durante il viaggio notturno, facciamo solo una sosta per la toilette, il resto sono solamente stazioni e controlli della polizia.
Alle 6:00 del mattino arriviamo a Vientiane, più precisamente alla stazione sud della città a circa 10 km dal centro! Fuori ci sono già i tassisti dei tuk tuk e dei collettivi che ti invitano a salire sul loro mezzo per 40.000 LAK persona.
Noi ovviamente rifiutiamo e aspettando Bruno che si sistema con le sue valigie, ci incamminiamo verso la strada, fuori dal terminal e anche qui veniamo accolti da alti tassisti che ci offrono una corsa per 30.000 LAk a persona, noi contrattiamo per 15.000 a persona, l’autista accetta e in un batter d’occhio ci ritroviamo in compagnia di altri ragazzi dentro il mezzo diretti verso il centro città!

IMG_1190
Bruno, il nostro amico viaggiatore “old style”

Ma Bruno dov’è? E’ questa la prima cosa che abbiamo detto poco prima di partire, non lo abbiamo più trovato!
E va bè… Alla fine lui si che è un vero viaggiatore, non avrà sicuramente bisogna di #2caprenelmondo come noi per sbrigarsela!

#525.Da Don Det a Vientiane (Ma Bruno dov’è…?) ultima modifica: 2016-07-28T12:00:48+00:00 da Idea Nomade

2 thoughts on “#525.Da Don Det a Vientiane (Ma Bruno dov’è…?)

  1. Fantastici, ricordo benissimo questo mercato, l assalto degli odori e degli autisti di tuk tuk. Appoggiato il mio zaino a terra guardai Ivo e urlando tra la folla gli dissi “…ti amoooooo anche qui” e scoppiai a Ridere! Intanto le mie infradito affonda vano nelle buche . Viaggiare on The road è fantastico, voi 2 caprette siete fantastici ! Besos

Rispondi

Altro... GdM : Le Tappe, Laos
4000 Isole sul Mekong, tra Laos e Cambogia…

Phan Don, che letteralmente significa 4000 isole, è il luogo dove, durante la stagione delle piogge, tra il Laos e...

Chiudi