L’unità di moneta ufficiale in Iran è il “Rial iraniano”, ma vi accorgerete molto presto che gli abitanti, in tutto il paese, parlano in termini di Toman, che equivale a 10 Rial. Quindi Rial o Tioman?

Banconote iraniane


La prima cosa che farete, appena varcato il confine è quello di cambiare i soldi, e già qui avrete il primo contatto con la moneta iraniana. Cercate di non cambiare tutti i vostri soldi subito e in aeroporto o al posto di confine. Ad esempio a Teheran conviene cambiarli in città, preferibilmente in Ferdosi St., quindi il consiglio che possiamo dare è quello di cambiare poco e all’occorrenza. Non vi spaventate se in tasca avete tanta carta, perchè la banconota più grande di valore è uguale a circa 12€, dipende dall’inflazione.
All’inizio vi sentirete spaesati, senza capire bene quanto state spendendo, ma state pure tranquilli, perchè difficilmente gli iraniani cercheranno di rubarvi i soldi o di fregarvi, al massimo qualche commerciante e qualche taxista raddoppiano il prezzo, ma si parla di qualche euro, niente di più. Una pratica buona ed efficace è quella di farsi scrivere su un pezzo di carta il prezzo, e farsi specificare se si parla di Rial o Toman, perchè molti albergatori scrivono 90.000 (circa 2€), tralasciando uno zero volontariamente a specificare i 900.000 Rial (circa 18€). Dopo qualche giorno, capirete che i Toman sono più comodi.
Ecco qui di seguito alcuni esempi utili a farvi capire meglio il denaro contante, con il cambio a 05/2014 di 1€=44.500 Rial:
500000 Rial

I 500.000 Rial (poco più di 11€) sono la banconata utlizzata per pagare, alberghi, escursioni, cene al ristorante o fare il pieno di benzina, è come se fosse la banconota da 50€.

 

 

100000 Rial

 

I 100.000 Rial (poco più di 2€) sono la banconota definita comoda, perchè con questa si può pagare, musei, siti archeologici, taxi e bus, ma anche utile per lo street food!

 

 

10000 Rial

 

I 10.000, 20.000 e 50.000 Rial, sono senza dubbio le banconote più utilizzate nel vivere comune, per l’acqua, per la metro, per un gelato o per un po di frutta al bazar.

 

 

Infine non spaventatevi se le banconote sono vecchie o strappate, vengono sempre accettate, inoltre non bisogna assolutamente cambiare in dollari, anzi noi il taxi dall’aeroporto a Teheran lo abbiamo pagato in euro!
Passiamo ai bancomat, esistono come in qualsiasi altro paese, ma a causa dell’embargo, in posto da Stati Uniti e ONU, i circuiti Visa e Mastercard non vengono accettati e con esse anche le carte di credito. Quindi l’unica soluzione possibile sono i contanti.




Senza ombra di dubbio, l’Iran è un paese economico, si può mangiare bene con 5€ o partecipare ad un buffet a circa 12€ (bevande incluse), si può viaggiare in aereo a circa 25-30€ per una tratta di circa 900 Km, oppure prendere un bus da Shiraz a Teheran con 12€. Invece per quanto riguarda le attrazioni turistiche i siti e le mosche variano da circa 1€ a circa 4€, mentre per le escursioni in taxi calcolate una media giornaliera di circa 20€ per una intera giornata.
Il nostro viaggio è costato a persona 700€ incluso:
– rilascio del visto all’ambasciata di Milano (vedi qui);
– volo di A/R Milano-Instanbul-Teheran, con Pegasus Airlines;
– pernottamento in albergo e case tradizionali (vedi qui);
– tutti i pasti e qualche peccato di gola in più;
– tutte le attrazioni turistiche (vedi qui):
– tutti i trasporti (vedi qui);
– nessun souvenir!
Quindi non mi rimane che consigliarvi un viaggio in Iran, e man mano che inizierete a farvi un’idea dei prezzi, comprenderete che se qualcosa vi sembra troppo bello per essere vero, probabilmente è proprio così!

Altro... Iran
Iran: itinerario di 2 settimane

Visualizza Iran in una mappa di dimensioni maggiori In due settimane, viaggiando in autobus e con tanta buona volontà, è...

Chiudi