Nome Completo: Repubblica dell’Indonesia
Lingua Ufficiale: Indonesiano, molto diffuso l’inglese.
Capitale: Jakarta
Superficie: 1.904.569 Km2
Popolazione: 255.461.700 ab.
Fuso Orario: da UTC +7 a UTC +9
Religione: L’Indonesia è il più popoloso paese a maggioranza musulmana del mondo, con quasi l’86,2%.
Pesi e Misure: Sistema Metrico Decimale
Prefisso telefonico: +62

Indonesia: informazioni utili

QUANDO ANDARE
Il periodo migliore per il viaggio è la stagione secca, da maggio a ottobre.

Il periodo delle feste di Natale attira molti turisti australiani e l’affollamento è ancora maggiore in concomitanza con le vacanze estive in Europa.

Il principale periodo festivo in Indonesia coincide con la fine del Ramadan, quando alcune località turistiche vengono prese d’assalto e i prezzi aumentano esponenzialmente.

VISTO
I cittadini Italiani, che si recano in Indonesia per turismo, necessitano di un visto d’ingresso che consente la permanenza nel territorio per 30 giorni massimo.

Il visto si ottiene, gratuitamente, al momento dell’arrivo in Indonesia (VOA), negli uffici dell’immigrazione o all’aeroporto. Il rilascio del VOA non è previsto ai posti di confine via terra.

Per un soggiorno superiore ai 30 giorni sarà invece necessario farne richiesta agli appositi sportelli statali dell’immigrazione presentando il passaporto con una validità residua di almeno sei mesi e il biglietto aereo di andata e ritorno o di proseguimento del viaggio. 

18.Indonesia

Timbro d’ingresso indonesiano

RISCHI SANITARI
Non è richiesto nessun vaccino o profilassi antimalarica per visitare l’Indonesia, è consigliato tifo e colera, per evitare così spiacevoli mal di pancia.

Una buona notizia per i viaggiatori, l’acqua per ricavare il ghiaccio è filtrata, noi in un mese di viaggio non abbiamo mai avuto nessun tipo di problema, ovviamente l’acqua del rubinetto è da evitare.

Inoltre è consigliato viaggiare con una buona assicurazione sanitaria e portarsi sempre con se una piccola farmacia da viaggio.

IMG_5838

Bagni pubblici indonesiani. Vanità: Donna; Pria: Uomini





TRASPORTI
AEREI: I principali punti di arrivo dell’Indonesia sono Jakarta e Bali. A Jakarta fanno scalo più aerolinee, ma grazie al gran numero di turisti, anche Bali è molto trafficata.

Quasi tutte le compagnie europee e arabe collegano il paese del Sud Est Asiatico, tra le varie compagnie low cost ci sono Air Asia (con collegamenti verso Malesia, Singapore, Tailandia e Cina), Lion Air, CitiLink e Sriwijaya. La compagnia di bandiera Garuda Indonesia, collega praticamente tutto il paese a prezzi ragionevoli ed effettua collegamenti anche con Australia, Cina ed Europa.

Negli aeroporti dell’Indonesia non abbiamo mai pagato nessuna tassa d’imbraco, neanche al momento di lasciare il paese.

IMG_6611

Aereo Garuda Indonesia, volo Makassar-Yogyakarta

AUTOBUS: con grosso stupore da parte nostra, nelle uniche due volte che abbiamo preso un autobus, siamo rimasti molto soddisfatti.

Sono economici, puntuali e praticamente hanno le stesse comodità dei rispettivi bus del Sud America, con l’unica eccezione, che i posti a sedere sono ancora più confortevoli! Non esiste una biglietteria, ma ad ogni terminal, ogni compagnia ha un proprio ufficio, il prezzo del biglietto è sempre trattabile.

Noi abbiamo usufruito di un viaggio notturno e uno diurno, per il collegamento tra Makassar e Rantepao. In quello notturno, abbiamo avuto in dotazione, cuscino e coperta. L’aria condizionata non è forte e le soste per il bagno sono frequenti, l’unica nota negativa, non è presente il wi-fi come dichiarato!

IMG_5841

Bus Kharisma, da Makassar a Rantepao

Per concludere, considerate circa un costo di 0,02€/Km per viaggiare in Indonesia con l’ausilio dei bus!

TAXI: sono di colore bianco, blu o azzurro, tutti con la scritta “taksi”sopra il tetto. Quelli ufficiali hanno il tassametro e non sono così cari come in altri paesi.

Noi ad esempio una corsa notturna in taxi dall’Hotel di Makassar all’aeroporto ci è costato 45.000 IDR, mancia compresa, mentre dall’Hotel di Jakarta al rispettivo aeroporto è costato 110.000 IDR, più 15.000 IDR di autostrada.

Se avete bisogno del collegamento da/per l’aeroporto e vi trovate in una home stay, chiedete direttamente a loro, perché praticano prezzi leggermente inferiori ai tassisti e ricordate di trattare sempre!

IMG_6576

Taxi blu di Makassar

TRENI: per quanto riguarda la nostra unica esperienza in treno da Yogyakarta a Jakarta, non possiamo che essere contenti. Sono puliti, economici e puntuali. I biglietti si possono fare direttamente in stazione, oppure tramite agenzia o nei luoghi dove alloggiate.  

La compagnia principale è Kereta Api, emette biglietti in economy e business class, quest’ultimi sono un po’ più veloci e hanno i sedili più confortevoli, cioè hanno postazioni singoli. 

IMG_7310

Treno della Kerata Api

IMG_7312

Sedili della carrozza in classe “Economy”

AUTO: questo è un discorso delicato, perché difficilmente vedendo il traffico congestionato del paese, vi verrà voglia di guidare un automobile.

Se proprio volete viaggiare in auto, il mio consiglio è di noleggiare un “driver”, provvederà lui alle spese di benzina, parcheggi con varie ed eventuali. Il costo varia da località a località, considerate circa tra i 25€ e 50€ al giorno dipende molto, anche dalle vostre esigenze esplorative.

Se volete risparmiare, a Bali c’è la possibilità di usufruire del servizio Uber, così come a Jakarta.

Un altro comodo, pratico ed economico mezzo di collegamento sono gli shuttle bus, che uniscono tutte le principali attrattive delle isole. Ecco nell’immagine seguente alcune tariffe dalle isole Gili con nave inclusa.

IMG_2150

Prezzi shuttle bus da Gili Air

IMBARCAZIONI: noi abbiamo effettuato solo due collegamenti, una con imbarcazione privata dall’isola di Bali a Gili Air, l’altra con imbarcazione pubblica tra Gili Air e Lombok, in entrambi i casi, ci siamo rivolti ad agenzi turistiche, i quali prevedevano anche il collegamento con shuttle bus per lo spostamento via terra. 

IMG_5347

Imbarcazione privata Bali (Padangbai)-Gili Air

IMG_2138

Imbarcazioni pubbliche delle isole Gili

IMG_2148

Tabella con i prezzi per i collegamenti alle isole Gili

ALTRI MEZZI: sicuramente in Indonesia vi capiterà di prendere un tuk tuk, un risciò a pedali o un calesse, in tutti i casi i prezzi sono trattabili.

Ma c’è un altro mezzo che vi vogliamo consigliare per esplorare Bali, Lombok, Yogyakarta e Tana Toraja, cioè lo “scooter“. Questo mezzo a due ruote è economico, pratico, divertente e vi permetterà di muovervi in piena autonomia esplorando ogni parte nascosta dell’isola. E’ consigliato avere un minimo di esperienza, perché la guida a sinistra, il traffico e le strade non sempre nelle migliori condizioni, possono giocare un brutto scherzo.

IMG_5923

Il nostro scooter a Sulawesi, dopo un percorso accidentato

VALUTA
La moneta ufficiale è la Rupia Indonesia (IDR).
Le banconote in carta sono suddivise in tagli da 2.000, 5.000, 10.000, 20.000, 50.000 e 100.000 IDR. Esiste anche la banconota da 1.000, ma è meno frequente. Tutte le banconote vengono accettate in qualsiasi grado di usura, l’unico problema è, che non sempre si ha il resto in cambio per le valute maggiori.

Le banconote da 100.000 IDR sono ideali per pagare gli alloggi , le escursioni e i trasporti, mentre le banconote da 50.000 in giù sono ideali per pagare cene e souvenir!

IMG_4321

Banconote indonesiane

Le monete sono coì suddivise: 100, 200, 500 e 1.000. Si possono trovare due differenti monete da 500, la seconda è in versione dorata. Le monete servono per pagare parcheggi, fare donazioni e perché no comprare acqua, frutta e altri beni di prima necessità.

IMG_5329

Monete indonesiane

CARTE DI CREDITO E BANCOMAT: le carte bancomat vengono accettate senza problemi da quasi tutti gli sportelli automatici, si può prelevare un massimo di 2.500.000 IDR, alcuni erogano anche 3.000.000 IDR, attenzione perché con ogni probabilità vi verrà addebitata una commissione di 75.000 IDR.  

Per le carte di credito il discorso è diverso, difficilmente sono accettate, noi siamo riusciti a pagare solamente alcuni alberghi!

INTERNET e TELEFONIA
In Indonesia, per il nostro soggiorno di un mese abbiamo acquistato una SIM card prepagata della Telkomsel: la simPATI, che oltre alle chiamate e sms, 200 cadauno, prevedeva una connessione 3G con 2Gb di volume dati, al costo di 75.000 IDR, compresa l’attivazione. Ci siamo trovati ottimamente, ha sempre funzionato ovunque siamo stati.

IMG_5320

Tessera SIM Telkmosel prepagata

PRESA ELETTRICA
In Indonesia le prese di correnti sono a due poli, quindi uguali a quelle europee, non si necessita di un adattatore da viaggio per ricaricare i propri dispositivi elettronici!

IMG_7364

Presa indonesiana a due poli

Altro... Documenti, Indonesia
Jakarta una capitale incompresa

Jakarta è la capitale dell'Indonesia, è per la prima volta nel nostro viaggio intorno al mondo, arriviamo in una capitale...

Chiudi