La città di Petra, capitale Nabatea, è uno dei più famosi siti archeologici del mondo e sicuramente il tesoro più prezioso della Giordania. Il 6 Dicembre del 1985, Petra è stata designata Patrimonio mondiale dell’Umanità.

Il Tesoro

Il Tesoro

E’ stata inoltre scelta dalla Smithsonian Magazine, come uno dei 28 posti al mondo, assolutamente da vedere prima di morire.
Petra è anche stata dichiarata nel 2007, una delle sette meraviglie del mondo moderno, insomma ha tutti i requisiti per attrarre ogni anno milioni di visitatori!




Nel 1812, l’esploratore svizzero Johannes Burckhardt decise di “riscoprire” Petra. Vestito come un arabo convinse la sua guida a portarlo nella città perduta. In seguito, Petra divenne sempre più famosa nell’Occidente come una città antica, bellissima e affascinante.

Come raggiungere Petra

Per raggiungere il sito archeologico di Petra o il villaggio di Wadi Musa esistono solo veicoli su ruota gommata: taxi, bus e auto a noleggio!
Con auto noleggio non ci sono grosse difficoltà, basta seguire le indicazioni per Petra, attraverso il lungo mare del Mar Morto, oppure sulla strada panoramica denominata dei rei o con l’autostrada del deserto.

Difronte al Petra Visitor Center, in salita proseguendo sulla destra, vicino al JETT Bus Station c’è un parcheggio gratuito. Qui è possibile lasciare la macchina tutto il giorno.
Da Amman con il bus Jett ci si impiegano circa 3 ore (dipende dal traffico). I bus partono da Abdali, 7th Circle e il biglietto costa circa 8 JOD (solo andata).

In taxi, è possibile raggiungerlo da qualsiasi parte della Giordania, ecco alcune tratte con relativi costi:
Amman-Petra: 75 JOD (via autostrada); Amman-Petra: 120 JOD (via strada dei re);
Aqaba-Petra: 50 JOD;
Wadi Rum-Petra: 45 JOD;
Mar Morto-Petra: 75 JOD.

Un taxi da Wadi Musa all’ingresso di Petra costa circa 2 JOD, sono 2 km in salita se arrivate alla stazione dei bus.

Come vestirsi e cosa portare

Portatevi solo scarpe e calze comode, perchè in un giorno si percorreranno circa 20 km, quindi è importante essere comodi. Niente sandali o infradito, perchè si dovranno scalare moltissimi scalini e camminare in mezzo alle rocce, quindi è meglio avere la caviglia sempre ben salda.

Vestitevi a cipolla, perchè in autunno e inverno al mattino è freddo, ma al pomeriggio la temperatura sale notevolmente oltre i 25°C. Quindi portate con voi uno zaino dove riporre sempre i vestiti non usati e qualche bottiglia d’acqua e del cibo.
Cappello o kefiah, occhiali e crema solare non devono mancare, insieme a un anti pioggia, nel caso le previsioni lo prevedano. In estate evitate di scoprirvi troppo, perchè il sole è veramente forte.
Non dimenticate di portarvi anche una torcia, sia nel caso vogliate partecipare allo spettacolo notturno di Petra o che vi ritroviate nella via di ritorno a tarda serata.

Portatevi il pranzo a sacco più qualche snack, perchè l’itinerario proposto dura tutta la giornata. Alcuni hotel preparano il lunch box per circa 5-8JOD, ma al Wadi Musa, si trovano diversi mini-market dove è possibile organizzarsi da soli.
L’acqua anche se costa cara, 2 JOD per una bottiglia da 1,5l, conviene comprarla all’interno del sito. Anche un bicchiere di tè alla menta costa uguale.

Dove Dormire

Se viaggiate low budget o avete una machina a noleggio, vi consigliamo di soggiornare al Wadi Musa, che si trova a circa 2 km dall’ingresso di Petra. Qui la scelta è molto più ampia, inoltre è pieno di ristoranti e mercati che sono molto più economici di quelli che si trovano a Petra.
Noi abbiamo soggiornato a Hotel Al-Anbat Midtown 2: ottima stanza, ma con un pessimo bagno, staff gentile, ottimo wifi, parcheggio gratuito e una buonissima colazione. Arrivando nel pomeriggio, abbiamo preferito acquistare direttamente da loro i biglietti di Petra by Night, al costo di 17 JOD, senza pagare il servizio.

Orari e Costi per visitare Petra: giorno e notte

Il nostro consiglio è quello di acquistare il ticket direttamente sfruttando il Jordan Pass, risparmierete sicuramente.

I biglietti d’ingresso sono suddivisi per giornata:
-1 giorno: 50 JOD, ideale per turisti che vogliono vedere solo le cose principali.
-2 giorni: 55 JOD, ideale se volete visitare anche la Piccola Petra e prendervela con comodo.
-3 giorni: 60 JOD, ideale per chi vuole fare fotografie o che necessitano per lavoro.

Petra by Night: 17 JOD, i biglietti sono in vendita attraverso il Visitor Center dalle 19:30, ma si possono acquistare anche tramite il proprio albergo.
Lo spettacolo notturno inizia dopo le 20:30, cercate di essere tra i primi ad entrare se volete fare delle splendide foto al Tesoro. Quando avrete preso posto sui tappeti, vi serviranno un tè caldo (in inverno copritevi bene) e subito dopo potrete seguire la performance di flauto di un beduino locale.

Petra by Night

Petra by Night

Attenzione: per partecipare alla visita serale, bisogna possedere il Jordan Pass e il passaporto, oppure il biglietto d’ingresso giornaliero di Petra.

Orari di apertura/chiusura:
-orario invernale: 6:00-16:00;
-orario estivo: 6:00-18:00.
In entrambi i casi è possibile fermarsi oltre l’orario se vi trovate nella strada del ritorno.

Che cosa vedere

Questo itinerario di una giornata, vi farà toccare tutte le principali attrazioni di Petra.
Bisogna iniziare appena il sito apre, cioè alle 6:00 e considerate di trascorrerci almeno 12 ore.

Nella mappa seguente troverete i 3 itinerari principali, tutti con una difficolta medio/dura, ognuna con il colore diverso: verde, arancione e rosa.
L’itinerario in blu è il percorso principale che porta dal Visitor Center fino al Tempio di Qasr al-Bint, passando attraverso il Tesoro.
Per questa giornata vi consiglio di vestirvi in maniera comoda, la tuta va più che bene o comunque da trekking, perchè è quello che si fa per scoprire Petra.
Si attraversano rocce e non so neanche quanti gradini, quindi sappiate che a fine giornata sarete veramente stanchi.

La prima parte è comune a tutti gli altri itinerari, è anche la più facile ed è lunga circa 3 km, tutti in discesa.
Si parte dal Museo di Petra e percorrendo il sentiero principale si raggiunge alla Tomba dell’Obelisco e al Bab Al-Siq, cioè la porta d’ingresso del Siq.
La Tomba dell’Obelisco fu scolpita dai Nabatei nel I sec. d.C. Sopra la tomba ci sono quattro piramidi (nafesh), così come una nicchia con una statua in bassorilievo che è una rappresentazione simbolica delle cinque persone sepolte lì. Al di sotto vi è la Triclinio, che era una sala per banchetti.

Tomba dell'Obelisco

Tomba dell’Obelisco

L’antico Siq che conduce alla città di Petra, ha una lunghezza di circa 1200 m e una larghezza da 3 a 12 metri, con un’altezza fino a 80 metri circa, la maggior parte della roccia è naturale, un’altra parte fu scolpita dai Nabatei. Comunque è uno spettacolo meraviglioso camminare tra queste rocce, ancora di più la notte quando l’unica illuminazione arriva dai lumini posti per terra e dalle stelle.

Siq

Siq

Appena termina il Siq, vi troverete davanti a voi il Tesoro. Di quasi 40 metri di altezza e finemente decorato con capitelli corinzi, fregi, figure e altro ancora, lo rendono il monumento più fotografato. Non a caso troverete tantissimi turisti. Vi consigliamo di visitarlo al mattino, quando la luce del sole penetra nella valle, rendendolo più luminoso.

Proseguendo a destre del Tesoro, c’è la “via delle facciate“, si tratta di un nome dato alla fila di tombe monumentali dei Nabatei scavate nella parete rocciose meridionale. Si crede che queste facciate rappresentino il luogo di sepoltura di alcuni alti ufficiali.
Successivamente raggiungete il Teatro, che è scolpito nel fianco della montagna, ai piedi dell’Altare del Sacrificio, poteva ospitare fino a 4000 spettatori.

Via delle Facciate

Via delle Facciate

Adesso siete arrivati ad un bivio: quale itinerario seguire. Da qui partono i 3 sentieri, che sono tutti quanti difficili. Noi siamo riusciti a fare solamente quello arancione e verde, ma siamo partiti molto tardi. Se siete amanti del trekking o delle camminate non avrete problema a farli tutte e tre in giornata.

Itinerario Verde (Al-Khubtha)

Lunghezza: circa 3,5 Km.
Durata: 2,5-3h a/r.
Difficolta: difficile.

Questo è forse il primo itinerario da fare, in modo tale da avere ancora la luce migliore per fotografare il Tesoro dall’alto.
Lungo il sentiero, tutto in salita, si attraversano 4 tombe: la Tomba dell’Urna, della Seta, la Corinzia e quella del Palazzo.

Tomba dell’Urna: il suo nome deriva dal vaso che corona il frontone. Fu probabilmente costruito intorno al 70 d.C. E’ preceduto da un profondo cortile con colonnati sui due lati. Nel 446 d.C. è stato adottato come una chiesa bizantina.
Tomba della Seta: la torre risale alla prima metà del I sec. d.C., la facciata misura 11 m di larghezza e 19 di lunghezza. Il nome deriva dal ricco colore della pietra arenaria. E’ la tomba più colorata di Petra.

Tomba dell'Urna

Tomba dell’Urna

Tomba Corinzia: fu costruita tra il 40 ed il 70 d.C., ci sono quattro bacini d’acqua nella parte anteriore e sul lato, che venivano utilizzati nei rituali di pulizia.
Tomba Palazzo: l’ultima tomba prima di iniziare la lunga scalinata è costituita da 12 colonne decorate e al di sopra della soglia ci sono 18 pilastri.

Tomba Corinzia

Tomba Corinzia

Tomba Palazzo

Tomba Palazzo

D’ora in poi avrete solo scalini, ma la fatica sarà ripagata quando arriverete al punto panoramica per fotografare il Tesoro dall’alto. Qui c’è anche la possibilità di riposarsi dentro una tenda beduina o consumare qualche bevanda.

Itinerario Arancione (Altare del Sacrificio)

Lunghezza: circa 2 Km.
Durata: 0,45-1,5h a/r.
Difficolta: difficile.

Questo itinerario a differenza del precedente, è molto ripido e sempre in salita. Tanti, ma tanti gradini, vi condurranno all’Altare del Sacrificio. Il sentiero parte subito prima del Teatro, sul lato sinistro, dove ci sono molti beduini che vi proporranno la salita a dorso d’asino.

Altare del Sacrificio: in cima non c’è molto da vedere, ma è il meglio conservato di tutti i luoghi sacri del mondo antico. Comunque da qui è possibile ammirare tutto il sito archeologico e le splendide montagne. Vi sembrerà di essere sul tetto del mondo!

Altare del Sacrificio

Altare del Sacrificio

Se non volete scendere dallo stesso lato da cui siete saliti (come abbiamo fatto noi), vi consiglio di seguire le indicazioni per il Wadi Farasa, considerate altri 3 km per raggiungere il bivio per il Monastero. Scendendo dall’altro lato avrete la possibilità di vedere anche altre tombe, che sono meno battute dai circuiti turistici.

Itinerario Rosa (Monastero)

Lunghezza: circa 3 Km.
Durata: 2,5-3h a/r.
Difficolta: difficile.

Questo itinerario, che a dire la verità parte dalla strada colonnata e attraversa il Grande Tempio, conduce diretti al Monastero.
Forse la stanchezza, ma anche l’orario di chiusura, noi non siamo riusciti a vederlo e ci siamo fermati all’ultimo tempio. Per questo motivo vi consiglio di partire appena il sito apre. Siate mattutini se volete godervi a pieno Petra.

La strada colonnata: la strada rappresenta un a creazione nabatea originale, poi rinnovata dai romani.
Il Grande Tempio: il complesso del Grande Tempio rappresenta una dei principali componenti archeologici e architettonici del centro di Petra.

Tombe Reali

Tombe Reali

Tempio di Qasr Al-Bint: gli scavi e i restauri sono iniziati alla fine degli anni ’50. Oggi si può vedere ben poco di questo edificio, perchè alla fine del III sec. d.C. è stato intenzionalmente saccheggiato e distrutto.
Monastero: è il monumento più grande di Petra. E’ stato costruito sul modello del Tesoro.

Altro... Giordania
Jordan Pass, il Visto Turistico per l’ingresso in Giordania

Il Jordan Pass è il più innovativo biglietto turistico ideato su misura per i viaggiatori che si recano in Giordania....

Chiudi