#97. Da St.Laurent a Paramaribo (2 frontiere, 0 controlli)

Per tutte le mattine che siamo stati qui, non ha mai piovuto. Invece oggi che dobbiamo viaggiare da St.Laurent a Paramaribo cade una bella pioggia torrenziale?
Non che la cosa ci preoccupi più di tanto, ma proprio adesso doveva piovere?


Rifacciamo la nostra camera (si far per dire), avevamo un materasso per terra nell’area comune dell’ospedale. I dottori stanno ancora dormendo, ne approfittiamo per lasciargli due bottiglie di vino con tanto di lettera di ringraziamento.




E’ sabato mattina, molto presto, il mercato non è ancora operante e i negozi sono ancora tutti chiusi, l’unica cosa aperta è una boulangeire, ne approfittiamo per mangiarci un buon croissant caldo e fare una pausa sotto una tettoia per ripararci dalla pioggia.
La camminata per fortuna che ci aspetta è corta, sono solo 15 minuti a piedi dall’ospedale all’imbarco e dall’ufficio immigrazione.

Le Frontiere

Appena arriviamo al porto, veniamo subito presi d’assalto da un ragazzo che ci vuole portare con la sua piroga fino ad Albina.
Gli diciamo di aspettare un attimo, dobbiamo prima fare il timbro d’uscita francese (attenzione che qui controllano anche la tourist card o la visa del Suriname), ma nel frattempo gli chiediamo quanto costa.
Per attraversare il fiume Maroni e quindi per passare dalla Guyana Francese al Suriname, ci sono solo due metodi: o con il traghetto statale al costo di 4,10€ p/p oppure con le piroghe al costo variabile.

Noi gli diciamo che va bene, ma possiamo offrirgli solamente 5,00€ per entrambi, lui all’inizio è un po’ titubante, borbotta qualche parola in taki taki e poi in francese dice di accettare e di aspettare qui, che va cercare altre persone.
Alla fine sulla bagnarola siamo in quattro, più un’intera famiglia brasiliana senza i passaporti dei bambini.
Per nostra fortuna il viaggio è corto, sono solamente 10 minuti di barca, perché la pioggia e l’umidità non rendono così piacevole la traversata!

da St.Laurent a Paramaribo
Piroghe di Sat.Laurent

Arrivati ad Albina, ci aspettano le classiche formalità doganale, cioè compilare il formulario con nome, cognome, numero di passaporto etc.
Davanti a noi, c’è poca gente solo due ragazze francesi e la famiglia brasiliana, ma che in un batter d’occhio sparisce dagli uffici dell’immigrazione, sale in macchina e se ne va via! Boh…
“Tutto molto legale in questo paese” esclama Roberta.

Quando è il nostro turno, l’impiegato ci mette il timbro sul passaporto, valida la tourist card e ci dice: welcome in Suriname!

Il Viaggio

Mentre fuori continua a diliuviare, anche qui in Suriname è stagione di pioggia, lo stesso ragazzo della piroga, ci domanda se abbiamo bisogna di un taxi per Paramaribo.

Roberta: certo che abbiamo bisogno di un taxi, ma quanto costa?
Il ragazzo: 50€ a persona!
Roberta: aspetto che traduco all’altra capra
Luca: Che cosa? 100€? A quella cifra, me la faccio con una gamba saltellando!
Il ragazzo: Quanto volete pagare?
Luca: digli 30€ per entrambi, altrimenti ci vado a piedi…
Roberta, da buona interprete di francese, traduce e il ragazzo accetta.

IMG_5579
Insegna di Benvenuto in Suriname
IMG_5583
Formulario da compilare all’ingresso del paese
IMG_5584
Insegna all’ufficio immigrazione

Proprio fuori dall’uffico immigrazione c’è un taxi pronto a partire con due persone a bordo. Neanche il tempo di mettere via i passaporti che ci ritroviamo sui sedili posteriori del nostro taxi (ovviamente abusivo).
Il panorama fuori dal finestrino è molto simile a quello della Guayana Francese, tanta tanta giungla e poi qualche villaggio con le capanne tradizionali in paglia e legno.

L’Arrivo a Paramaribo

Poco prima di arrivare al grande ponte di Paramaribo, ci fermiamo a gonfiare una ruota probabilmente bucata e a cambiare del denaro. Un altro passeggero ci ha detto che qui è molto conveniente rispetto ad altri posti. In effetti riusciamo a fare un cambio molto buono 1€ = 3,80SRD, quando al cambio ufficiale l’euro è poco meno di 3,60SRD.

IMG_5585
Taxi da Albina a Paramaribo

Da qui alla nostra guesthouse, ormai c’è molto poco, nel frattempo ha smesso di piovere, mettiamo via i kway e gli chiediamo all’autista se ci può lasciare al n° 31 di Prinsessestraat, alla “Fanna GuestHouse“, dove il 97 giorno di viaggio ha termine!…

#97. Da St.Laurent a Paramaribo (2 frontiere, 0 controlli) ultima modifica: 2015-05-25T13:00:08+00:00 da Idea Nomade

Rispondi

Altro... French Guiana, GdM : Le Tappe, Suriname
Merci Guyana Francese

Ci piacerebbe dire "thange" cioè grazie nella lingua locale, ma essendo in territorio francese, siamo obbligati a dire Merci Guyana...

Chiudi