Eccoci al secondo viaggio in bus in Laos: da Vientiane a Vang Vieng. Non riusciamo a capire come mai non ci siano dei bus locali dove poter viaggiare insieme ai laotiani.
Non appena chiedi una destinazione di viaggio ad un’agenzia, ti rilascia solamente informazioni su tratte turistiche.

Il nostro viaggio per Vang Vieng, ci è costato 40.000 LAK p/p, la nostra guesthouse ci chiedeva 60.000 LAK, ed entrambi proponevano il tragitto in bus, mente se si sceglieva il minivan, il costo sarebbe stato di 80.000 LAK!




Alle 9:30, puntuali per la seconda volta consecutiva, arriva il minivan a prenderci direttamente alla guesthouse, carichiamo gli zaini sul tetto e andiamo a prendere altre persone.

Facciamo un giro dell’isolato per fermarci al primo hotel dove sale una famiglia cinese, dopo dieci minuti altro giro dell’isolato per fermarci a cento metri dal primo albergo. Qui salgono gli ultimi tre turisti coreani.

Ripartiamo girando subito a sinistra, poi nuovamente a sinistra e infine di nuovo svolta a sinistra, stiamo in poche parole dove eravamo prima. L’autista ci dice di scendere perché dobbiamo prendere il bus grande, che si trova proprio vicino alla nostra guesthouse!
Ma non potevate dircelo prima? Ce la saremmo fatta a piedi. C’è niente da fare non riusciamo ad entrare in sintonia con questi laotiani!

Quando saliamo sul bus che definitivamente ci dovrebbe portare a Vang Vieng, ci disponiamo negli ultimi posti che sono rimasti, io nell’ultima fila e Roberta nella penultima.

Differenza tra un coreano e un cinese

Sembrerebbe che la maggior parte dei passeggeri sia di nazionalità cinese o coreana, eccetto per una decina di turisti occidentali e due laotiani.

Molti adesso si chiederanno come facciamo a capire la differenza tra un coreano ed un cinese. Ebbene se un uomo con gli occhi a mandorle e carnagione chiara fa molto baccano quello è sicuramente un cinese.

Invece se ha gli occhi a mandorla, carnagione chiara, un po’ paffutello e sta attaccato al cellulare come un bambino con il cordone ombelicale, quello è un coreano!

Infatti il ragazzo davanti a me, penso che soffre di quelle malattie da videogame, su circa 4 ore e mezza e di viaggio è stato attaccato all’iPhone per ben 6 ore!

Da Vientiane a Vang Vieng

Da Vientiane a Vang Vieng: il bus affollato da asiatici

IMG_1791

Il ragazzo coreano alle prese con il suo videogame

Il Viaggio

Partiamo alle 10:15, con 15 minuti di ritardo, ma dopo un’ora abbiamo appena percorso 35 km. Si procede molto lentamente, una volta ci fermiamo dal benzinaio, un’altra al terminal nord di Vientiane, tant’è che alla fine persino le bici ci sorpassano.

L’unica sosta che facciamo è a circa metà percorso, scendiamo in questa sorta di aerea di servizio dove ne approfittiamo per mangiarci un buon panino laotiano (forse è l’unica cosa buona che c’è in questo paese) e per andare in bagno, ma a questa ultima opzione rinunciamo, perché sono a pagamento.

Man mano che procediamo nel nostro viaggio verso il nord del paese, il paesaggio cambia, le case in mattone sono sostituite nuovamente da capanne e in lontananza si incominciano ad intravedere le prime montagne calcaree.

E’ molto bello lo spettacolo fuori dal finestrino, anche il colore dei fiumi sembra molto più chiaro e appetibile rispetto a quello del Mekong!

L’Arrivo

Alle 14:30, arriviamo a Vang Vieng nella stazione dei bus che si trova a sud della cittadina, proprio vicino alla nostra prossima dimora, a disposizione c’è anche un tuk tuk che gratuitamente fa la spola con il centro, ma noi rifiutiamo e ci avviamo a piedi.
Per oggi ci fermiamo qui, la nostra missione è finita, non ci rimane che concederci alla scoperta di questa splendida zona carsica!

Altro... GdM : Le Tappe, Laos
Che cosa vedere a Vientiane, tra Laos e Thailandia

Vientiane, la capitale del Laos, è una città molto particolare. Ha un fascino decisamente occidentale, lo si capisce dai suoi...

Chiudi