#495.Da Kinpun a Yangon (In viaggio con il monaco)

Se sei in vacanza in Myanmar, non potrai non notare gli uomini pelati, vecchi e giovani, a volte anche bambini piccoli, girare con una tunica granata, bene, sappi che quelli sono monaci buddisti, che a quanto pare qui in Myanmar sono venerati come degli Dei!

Anche oggi avevamo la possibilità di scegliere tra un bus vecchio e senza aria condizionata che partiva dalla città vicino di Kinpun alle 10:30 per la modica cifra di 7.000 Kyats p/p, oppure prendere un bel bus con sedili comodi, aria condizionata e che partiva alle 8:00 direttamente vicino alla nostra guest house per 9.000 Kyats, secondo voi quale abbiamo preso?
Facile la prima scelta! Perchè risparmiare è la nostra priorità…

Alle 10.00 in punto ci dirigiamo dalla nostra compagnia di trasporti, la Win Express, la quale ci carica in un piccolo pickup per portarci a Kyaikto, da dove prenderemo il bus diretti a Yangon, ovviamente questo trasporto è compreso nel biglietto!
Anche oggi piove, ormai la pioggia è una costante nel nostro viaggio birmano…
Ci ripariamo vicino ad un bar ad aspettare che passi il nostro bus, mettiamo gli zaini per terra, molti ragazzi ci guardano straniti, forse non sono abituati a vede due capre come noi che aspettano i bus locali e non quelli per i turisti…
Affianco a noi assistiamo anche ad un bel siparietto tra una venditrice ambulante di frutta ed un ragazzo ubriaco.
La donna gli dice di allontanarsi, lui essendo in condizione precaria, l’unica cosa che riesce a fare e quella di sedersi nella sedia della venditrice e a farsi la pipì addosso!
L’uomo si mette a ridere e in un momento di lucidità, riesce mandare un ragazzo a comprare una bottiglia d’acqua, che userà per lavarsi e per pulire la sedia.
L’incidente si sistema quando il marito della moglie interviene portando via il ragazzo con il motorino.

IMG_7717
La capra a bordo del pickup per Kyakito, a sinistra Alvaro vitali vestito da monaco buddista
IMG_7723
L’uomo sulla destra si è appena fatto la pipì addosso

Nel frattempo è arrivato il nostro bus, completamente pieno di persone locali, ma noi per fortuna abbiamo riservato i nostri posti che sono in fondo al bus.
Dopo neanche un’ora, ci fermiamo in una autostazione a fare la colazione e pranzo, non abbiamo ben capito che cosa sia, ma qui i birmani, mangiano a qualsiasi ora e sovente…
Dopo quasi quattro ore di viaggio, tra caldo, afa e pioggia arriviamo alla stazione di Yangon, la stessa da cui eravamo partiti per raggiungere Bagan!
Appena scendiamo veniamo assaliti, anche se in maniera pacifica, dai tassisti del terminal.
Chiediamo quanto costa la corsa in taxi verso il nostro albergo (lo stesso che avevamo nei primi giorni a Yangon, quindi sappiamo benissimo il costo reale della corsa), qualcuno ha il coraggio di sparare 20.000 Kyats, ma quando noi gli diciamo che con quella cifra ci facciamo il giro completo del paese, loro si mettono a ridere ed uno si offre di accompagnarci per 10.000 Kyats.
Accettiamo e con la solita gentilezza che solo questo popolo li distingue, prende i nostri zaini e li carica nel bagagliaio.
Dopo 20 metri il tassista si ferma, deve prendere le foglie di betel, ma dopo altri 20 metri si ferma e ci dice di aspettare!
Quando torna incomincia a caricare il bagagliaio di scatole di cartone, tanto che abbiamo i nostri zaini quasi sopra la testa.
Dopo un po’ torna accompagnato con un bel monaco buddista, che si siede nel sedile anteriore, proprio di fianco l’autista.
Bene ci siamo proprio tutti adesso possiamo partire.
Roberta mi guarda e dice: “beh, questa non ci era ancora capitata di viaggiare con un monaco in macchina!”
Io gli rispondo: “bene! Adesso siamo pronti a fare la macchinata per il Vaticanexit!”




Se per fare 150 km circa da KinPun a Yangon ci abbiamo messo 4 ore e mezza, per fare 20 km cioè dal terminal al nostro albergo ci mettiamo quasi 2 ore, ma non è sola colpa del traffico.
Il nostro monaco e nonché compagno di viaggio, è sceso in un posto vicino alla ferrovia nel centro, dove ci sono solamente rifiuti e bambini che giocano scalzi…
Lo salutiamo e lui non ci degna neanche di un sorriso…
Boh, valli a capire questi preti vestiti da monaci!

IMG_7736
Taxi all’arrivo di Yangon
IMG_7740
Discarica dove è sceso il monaco

Comunque non importa, con quest’ultimo viaggio finisce il nostro Myanmar, adesso non ci rimane che fare i turisti per una serata spendendo gli ultimi in Kyats in cibo…

#495.Da Kinpun a Yangon (In viaggio con il monaco) ultima modifica: 2016-06-28T20:00:10+00:00 da Idea Nomade

Rispondi

Altro... GdM : Le Tappe, Myanmar
Come noleggiare uno scooter in Myanmar

Anche se il Myanmar fa parte sia geograficamente che politicamente dell'ASEAN (Association of South-East Asian Nations; in italiano: Associazione delle...

Chiudi