Anche se il Myanmar fa parte sia geograficamente che politicamente dell’ASEAN (Association of South-East Asian Nations) ed essendo da pochi anni uscito da una dittatura socialista, presenta ancora molti aspetti differenti dai suoi paesi limitrofi.

IMG_6221

Ad esempio in gran parte del Myanmar, ai turisti stranieri è vietato guidare mezzi a motore di qualsiasi genere, addirittura a Yangon non è ammesso l’uso di motocicli neanche per i residenti!




Per fortuna le cose stanno cambiando e il percorso di crescita in atto sta trasformando il paese molto velocemente. Non è un fatto che ad oggi, in alcune città come Mandalay (la seconda del Myanmar) e Hsipaw, è consentito il noleggio dello scooter a motore, pure a Bagan è consentito, ma solo veicoli elettrici!

La nostra esperienza è però limitata alla sola città di Mandalay, perché purtroppo siamo capitati nel paese durante il periodo delle piogge e non ci siamo potuti concedere tante gite fuori porte come previsto.

Ho bisogno della “patente internazionale” per noleggiare uno scooter in Myanmar?

La risposta è sì! E’necessario una patente di guida internazionale per poter guidare in Myanmar.
Ricordatevi, ogni qualvolta che noleggerete uno scooter in Myanmar, a nessuno interesse che voi abbiate o meno la patente, ne tanto meno alla polizia locale.

Attenzione perché anche se avrete la patente internazionale e noleggiato il vostro scooter o moto, non potrete comunque andare in giro per il paese, perché in alcuni strade bisogna possedere dei permessi speciali!

Per i due giorni che abbiamo noleggiato lo scooter in Myanmar, non abbiamo mai visto una sorta di posto di blocco e così per tutto il resto del paese, ad eccezione di Yangon. Alle porte della città possono essere presenti poliziotti che fermano principalmente camion e autovetture, sono facilmente riconoscibili per le divise bianche.

Quanto costa noleggiare uno scooter in Myanmar?

Dipende molto da quanto tempo si ha intenzione di affittarlo. Ma lo sconto dovrete essere voi a richiederlo, perché difficilmente un birmano ve lo proporrà!

Tuttavia, è incredibilmente caro rispetto agli altri paesi dell’ASEAN. Noi abbiamo noleggiato per due giorni uno scooter Honda, sempre a cambio automatico, direttamente dal nostro hotel dove soggiornavamo, per 15.000 Kyats al giorno…!

Se cercate enduro o moto di grossa cilindrata il prezzo potrebbe salire notevolmente, ma anche se sono difficile da reperire, esiste nel centro di Mandaly, un’agenzia che le affitta e organizza anche dei tour ad anello delle principali attrazioni del Myanmar.

Ad Hsipaw, il prezzo è lo stesso di Mandaly o quello riportato nelle guide turistiche, ma se chiedete un po’ in giro e siete degli abili affaristi lo potete noleggiare anche per 10.000 Kyats al giorno!

Uno scooter elettrico a Bagan costa non più di 5.000 Kyats al giorno.
In nessun caso qualcuno vi stipulerà un’assicurazione!

IMG_6201

Honda Click 125

IMG_5063

Scooter elettrico o anche chiamato e-bike

Cosa fare in caso d’incidente?

Beh, in realtà dipende dalla gravità dell’incidente e da quello che è successo. Se c’è un danno allo scooter, dovrete provvedere voi stessi alle riparazioni, se avrete creato danni alla proprietà di qualcun altro, anche in questi casi siete voi i responsabili.

Con ogni probabilità, l’incidente maggiore a cui dovrete stare attenti è proprio con il vostro motorino, perché a noi con due scooter differenti, il problema è sempre stato lo stesso: l’accensione.

Non sappiamo se per un problema di manutenzione o di carburante, ma quasi tutti gli scooter in Myanmar, hanno problemi con l’accensione, ve ne accorgete anche voi stessi!

Comunque sia ricordate sempre che il popolo birmano è estremamente gentile e disponibile, quindi cercate sempre di ricambiare il favore, almeno con un semplice sorriso!

Luca & Ragazzi Scooter

Il nostro scooter che non si vuole mettere in moto

Altri Costi

La benzina è a buon mercato, cioè se siete viaggiatori low budget, il costo del carburante non influirà più di tanto sulla vostra spesa finale. La cosa migliore da fare, è rifornirsi sempre, alle stazioni di rifornimento, il prezzo è di circa 670 Kyats (cioè 0,52€) al litro e avrete il vantaggio di decidere voi quanta metterne.

Ma se vi trovate al secco e siete lontani da una stazione di rifornimento, con ogni probabilità avrete bisogno delle bottiglie di benzina.

Una bottiglia da 1,0 litro può costare tra i 700 e 800 Kyats, ma fate attenzione perché a volte si può trovare a che a 500 e 600 Kyats, in questi casi, ma anche in molti altri, la benzina viene allungata con altre sostanze.
In Myanmar esiste la differenza tra benzina 92 e 95 ottani, voi necessitate di quella a 95 ottani!

I parcheggi a pagamento sono solo quelli davanti ai punti d’interesse, hanno un costo variabile tra i 200 e 500 Kyats, voi consideratele come delle vere e proprie mance.

Per quanto riguarda gli scooter elettrici, ricordatevi che l’autonomia massima per una ricarica è NON oltre i 40 Km! I motocicli sono esenti dal pedaggio autostradale, infatti hanno una corsia riservata per evitare la sbarre, se così non fosse passategli sotto. In alcune città si pagano dai 50 a 100 Kyats, per i cavalcavia!

IMG_7490

Distributore di benzina

IMG_6349

Bottiglie di benzina

IMG_6211

Casello autostradale

Alcune cose utili da sapere

Viaggiare in scooter in Myanmar può essere una splendida avventura, anche solamente per entrare più a contatto con la popolazione locale ed essere più autonomi.
Se volete girovagare per le colline di Hsipaw o per il sito archeologico di Bagan non avrete problemi, mentre a Mandalay il traffico è sostenuto e in alcuni momenti è
veramente pesante. 

-Indossate sempre il casco, anche se tra gli occidentali e i turisti vige la moda di viaggiare senza, niente di più sbagliato!

-Andate piano, usate sempre le frecce direzionali e il clacson! Se piove è meglio fermarsi e aspettare che il temporale passi, in media durano solamente un’ora o poco più.

-Non fateci caso se mentre guidate davanti a voi si presenta una mandria di mucche, bufali o cavalli, perché in Myanmar è del tutto normale!

-Le luci non vanno tenute accese di giorno, ma solo quando scende l’oscurità. Fate attenzione se guidate alla sera o di notte, perché non esiste illuminazione sulla strade e molti mezzi viaggiano senza luci, io sconsiglio in questi casi di mettersi in viaggio.

IMG_7519

Mucche sulla carreggiate

IMG_5996

Indicazioni stradali

-Le indicazioni stradali, (quando ci sono) nella maggioranza dei casi sono solamente il lingua birmana, quindi è meglio possedere un navigatore, noi abbiamo sempre viaggiato con il GPS del cellulare e non ci siamo mai persi. Comunque i birmani sono un popolo molto disponibile, non per niente mentre siete alla guida del vostro due ruote, sentirete sovente: hello mister! Can i help you? 

-Anche i cartelli stradali scarseggiano, raramente ne troverete uno. Il senso di marcia non viene mai rispettato, anche perché l’utilizzo dello scooter è uguale a quello di una bicicletta.

-Fate bene attenzione quando effettuate un sorpasso, perché il Myanmar è l’unico paese al mondo con la il volante sul lato sinistro, ma con il senso di marcia sul lato destro!

 

Altro... Documenti, Myanmar, Noleggio Scooter
#494.Da Bago a Kinpun (Il Golden Rock)

Per raggiungere il Golden Rock, cioè simbolo per eccellenza del Myanmar, siamo partiti da Bago, con un bus sgangherato di una...

Chiudi