I visitatori stranieri, che si recano a Cuba per motivi turistici devono essere in possesso del visto, generalmente noto come tarjeta de turista. Tale documento è valido per 30 giorni, ma può essere facilmente prorogato di altri 30 giorni una volta arrivati sul posto.

Come ottenere il Visto per Cuba

Targhetta turistica di Cuba

La tarjeta de turista è rilasciata dalle rappresentanze cubane all’estero (ambasciate e consolati), altrimenti ci si può rivolgere all’ufficio della compagnia aerea o alle agenzie di viaggi (la nostra scelta).



Visto per Cuba in Agenzia

Un metodo molto veloce, è quello di rivolgersi ad un’agenzia che si occupa di visti, meglio se specializzata nel paese caraibico.
-Milano: Cubapoint , proprio sotto il consolato cubano.
-Torino: Sailor Viaggi, agenzia disponibile nel centro città, il prezzo per il rilascio del visto è ottimo!

Documenti necessari al rilascio del visto in Ambasciata

Le rappresentanze cubane in Italia, per rilasciare il visto turistico, richiedono la fotocopia del passaporto (con una validità residua di almeno 3 mesi), la fotocopia del biglietto aereo di andata e ritorno o di proseguimento del viaggio, la prenotazione alberghiera relativa alla prima notte di soggiorno a Cuba e il pagamento di circa €25/Sfr42.

Da maggio 2010 è inoltre obbligatorio per tutti gli stranieri in visita a Cuba essere muniti di un’assicurazione di viaggio che copra le spese mediche. Dovete portare con voi i documenti che attestano che avete stipulato una polizza e prepararvi a mostrarli alla dogana, fate bene attenzione che non tutte le assicurazione coprono paesi come Cuba.

Non vi disperate se non avete l’assicurazione, potrete sempre farla al vostro arrivo e con ogni probabilità sarete coperti con la società statale Asistur.
In genere non è consentito salire su un volo con destinazione Cuba senza avere la tarjeta con sé!

Una volta giunti all’Avana, ogni estensione o sostituzione della carta turistica richiede il pagamento di altri CUC$25. Ricordate che non è possibile lasciare Cuba se non si esibisce la carta turistica, quindi fate attenzione a non perderla. Inoltre, l’ingresso a Cuba non è consentito a chi non ha un biglietto di andata e ritorno o un biglietto per una destinazione successiva.

Noterete che i funzionari cubani non timbrano il vostro passaporto, né all’arrivo né alla partenza: timbrano invece la vostra carta turistica.
La riga dove si chiede di indicare il vostro “Indirizzo a Cuba” va riempita comunque, non fosse che per evitare inutili discussioni. Ma se soggiornate in una casa particular autorizzata o in un albergo non dovreste avere problemi di sorta.

Estensione del visto

Per la maggior parte dei viaggiatori, è facile ottenere l’estensione del visto una volta che si trovino a Cuba: basta recarsi presso uno degli uffici di inmigración, portando i propri documenti e CUC$25 in bolli, che occorre procurarsi in anticipo presso una filiale della Bandec o del Banco Financiero Internacional.

In questo modo si ottiene un permesso per altri 30 giorni in aggiunta ai primi 30; se volete fermarvi più a lungo è possibile comunque uscire dal paese, rientrare dopo 24 ore e ricominciare l’iter dall’inizio (all’Avana ci sono alcune agenzie di viaggi che prevedono offerte speciali per questo genere di spostamenti). Provvedete alle pratiche per l’estensione del visto alcuni giorni (lavorativi) prima della data di scadenza, e soprattutto non azzardatevi a girare per Cuba con un visto scaduto.

Ambasciate in Italia

Roma
Indirizzo: Via Licinia 7 – 00153 Roma
Orari: 9.00-12.00 dal lunedì al venerdì
Telefono: 06 5717241, 065782032
Fax: 06 5745445
E-mail: consulado@ecuitalia.it
Aree di competenza: Centro Italia (Emilia-Romagna esclusa), Sud Italia e Isole

Milano
Indirizzo: Via Arco 4 – 20121 Milano
Orari: 9.00-12.00 dal lunedì al venerdì
Telefono: 02 67391344
Fax: 02 67391344
E-mail: consulgral@mit.consulcuba.cu
Aree di competenza: Nord Italia ed Emilia-Romagna

Uffici immigrazione a Cuba

In quasi tutte le cittadine di provincia c’è un ufficio immigrazione (che rimane chiuso il mercoledì, il sabato e la domenica), anche se il personale addetto non conosce quasi mai l’inglese e oltretutto non si dimostra molto collaborativo. Se possibile, cercate di non rivolgervi all’ufficio immigrazione dell’Avana, perché è spesso molto affollato.

Altro... Cuba, Documenti
Assicurazione da viaggio: un piccolo vademecum!

Premesso che questo non è un post sponsorizzante e comunque non troverete nomi o link a cui rivolgervi per stipulare...

Chiudi