#111.Da Vinales a Trinidad (La Finale di Champions League)

Una ricca colazione, il cielo azzurro e terso è quello che serve per cominciare il viaggio da Vinales a Trinidad. Mentre il giorno precedente avevamo il cielo coperto e la nostra prima giornata di mare è stata interrotta dalla pioggia del tardo pomeriggio, oggi il meteo promette molto bene.

Premessa

Il bus della Viazul o della Transtur, partivano rispettivamente alle 06:45 e alle 07:00. Il costo è di 37 CUC p/p, noi abbiamo speso 35 CUC p/p. Risparmiando così anche in tempo, visto che il taxi ci mette almeno un paio d’ore in meno del bus.



Il Viaggio

Partiamo per le 9:00, abbastanza puntuali, con un taxi prenotato sempre il giorno prima nella piazzetta centrale di Vinales. Il taxi lo condividiamo con un’altra coppia d’italiani, anche loro diretti a Trinidad.

La strada non è per niente pericolosa, si torna all’Havana per poi proseguire in direzione Trinidad, sull’autostrada A1.

Tra le tante cose che si notano sulle autostrade cubane è che non ci sono solamente veicoli a motore, ma anche carretti, ciclisti, pedoni, venditori ambulanti e animali al pascolo.

Da Vinales a Trinidad
Autostrada Pinal del Rio-Havana
Taxi Vinales-Trinidad C.
1° taxi Vinales-Havana

A 40 chilometri dall’Havana, facciamo la nostra prima sosta. Decidiamo solo di sgranchirci le gambe e di ripartire subito.
Il nostro autista a bordo del suo Peugeot 406, ci risparmia dall’aria condizionata e dalla musica orrenda di discoteca. Il viaggio con lui termina proprio nella capitale, dove c’è un altro taxi che ci aspetta sotto un cavalcavia.

Il cambio di taxi

Facciamo cambio di taxi, spostiamo tutti i nostri bagagli, a bordo di questa piccola autovettura degli anni 80, di chiara produzione sovietica e dalle condizioni precarie.
Il viaggio fino a Cienfuegos scorre molto velocemente, l’autostrada è semplicemente una linea retta. Il problema è che adesso il clima è cambiato, ci sono più nuvoloni neri e inizia a cadere un pò di pioggia .

Taxi Vinales-Trinidad C
2° taxi Havana-Trinidad

A circa due ore da Trinidad facciamo un’altra sosta in autostazione, ci godiamo un buon gelato freddo e una bella sosta ai bagni.
Ormai il cielo è completamente coperto da nuvole nere e la pioggia cade incessantemente. Nemmeno per l’ultima sosta, quella a casa del nostro autista, (dove fa benzina comprata al mercato nero) la pioggia ci grazia. Ma per fortuna a tenerci compagnia c’è la radio, che sta trasmettendo la finale di Champios League: Juventus vs Barcellona. Noi siamo tutti tifosi del Barcellona!

L’ultimo tratto di strada, i restanti 50 chilometri di strada, quelli del circuito sud, la strada assume completamente la forma di una piscina, c’è acqua ovunque, anche dentro la nostra macchina. Tanto che devo tenermi lo zaino più piccolo sulle gambe.

Non riusciamo più nemmeno a vedere la strada, i tergicristalli non ce la fanno a togliere l’acqua che cade a catinelle. Anche il nostro autista dice di non aver mai visto così tanta acqua.
In tanto, la radio ha perso il segnale, noi rimaniamo  fermi sul risultato di 1-1.

L’Arrivo

Arriviamo a Trinidad, dove alcune strade si sono trasformate letteralmente in fiumi in piena, alcune moto trovano riparo sopra i marciapiedi e alcuni bambini ne approfittano per nuotare o per farsi il bagno.

Il nostro autista, ci porta direttamente in due case particular, una per la coppia italiani e noi subito in quella affianco, che più che essere una casa particular è una splendida caffetteria con tanto di bandierone del Barcellona all’entrata.

Qui la televisione è ancora accesa, sta trasmettendo la cerimonia di premiazione della Champions League, vedo la faccia sconsolata di Buffon è questo mi rallegra, adesso la pioggia può passare in secondo piano.

#111.Da Vinales a Trinidad (La Finale di Champions League) ultima modifica: 2015-06-09T10:00:09+00:00 da Idea Nomade

Rispondi

Altro... Cuba, GdM : Le Tappe
I sigari cubani non si fumano, si respirano!

Se avete una voce nella vostra Bucket List: fumare i sigari cubani, dovete venire a Vinales per provare quelli più...

Chiudi