Capurganà l’isola che non c’è!

Capurganà è al confine con Panama e non ha ancora conosciuto il turismo di massa, soprattutto quello Europeo e Americano.
Sbarcati, nel senso letterale della parola, in questo incantevole villaggio, nonostante siamo rimasti sempre nella terraferma, qui si può respirare un’aria di tranquillità e pace, anche se in questi giorni sono arrivati molti colombiani per godere del ponte, infatti Lunedi 20 luglio è la loro festa nazionale dell’indipendenza.

Capurganà C.
Porto di Capurganà

Strada Capurganà C.
Calle principale del paese

Per le stradine acciottolate non si incontrano macchine, solo qualche trattore, delle biciclette e molti carretti trainati da cavalli.
Gli edifici presenti sono quasi tutti piccoli negozi, ristoranti e hotel, per fortuna non si trovano grattacieli o grandi strutture, tutto è rimasto molto autentico.
Le persone che abitano Capurganà rispecchiano la vita tranquilla di questo villaggio, i ritmi lenti scanditi semplicemente dal tempo che passa. Amano, come tutti i colombiani, ascoltare musica a tutto volume e divertirsi soprattutto durante il weekend.

DCIM100GOPRO
Playa Blanca, Capurganà

La Playa Blanca, una piccola spiaggia di sabbia bianca, si trova subito vicino al porto. Il mare è cristallino e azzurro. Un vero paradiso. Sulla spiaggia si possono trovare chioschi per mangiare e bere.
Purtroppo hanno costruito sul mare un locale che rovina totalmente la vista della selva che si riversa direttamente sul mare.
Dopo aver oziato sulla spiaggia e fatto lunghi bagni in questo splendido mare, abbiamo deciso di fare una passeggiata di circa un’ora per raggiungere La Coquerita.
Il sentiero si dirama in mezzo alla selva, con bellissimi squarci sul mare. In alcuni tratti è un po’ ripido, consiglio di indossare dei sandali chiusi, non come noi, che da veri avventurieri, avevamo le nostre infradito.
La Coquerita è una casetta di legno costruita su una roccia, abitata da un uomo che dal 1997 vive in questo spettacolare luogo. Non solo risiede, ma ha creato anche un piccolo business, fà pagare l’entrata di 2000$ COP p/p, vende da mangiare, qualche prodotto di artigianato e delle ottime limonate in tazza di noce cocco.
Al di sotto della casa, le rocce ha creato una piccola piscina naturale.




Le onde in certi momenti arrivano con violenza e bisogna aggrapparsi alle corde, per non essere trasportati via dal mare. Un gioco molto divertente!
Dopo si può sciacquarsi dal sale marino, in una pozza di acqua dolce proprio vicino alla casetta.
È davvero un luogo molto particolare e magico. Osservando negli occhi di quest’uomo che ha scelto questo tipo di vita estrema, mi domando quale siano le sue motivazioni, voglia di scappare o semplicemente di vivere circondato dalla natura, lontano dalla società. Ci vuole sicuramente molto coraggio e uno spirito di adattamento non indifferente.

DCIM100GOPRO
Piscina naturale della Coquerita

Un altro villaggio da visitare vicino a Capurgana è Sapzurro.
Abbiamo deciso di partecipare all’escursione, organizzata dal nostro ostello. Abbiamo preso una lancia che ci ha portato direttamente a Miel, alla Playa Blanca. Questa spiaggia si trova già nel territorio di Panama.
Purtroppo a causa della pioggia battente, non ci siamo potuti godere appieno l’azzurro del mare e la sua spiaggia bianca. Qui si possono trovare parecchi chioschi per mangiare e bere.
A piedi ci siamo diretti a Sapzurro, varcando prima la frontiera panamense e dopo la frontiera colombiana. Il sentiero è abbastanza semplice, ci sono solamente tanti scalini da fare!.
A Miel, alla frontiera panamense, potrebbero chiedervi i documenti, portateli con voi.

Frontiera Panama Miel
Frontiera Colombia/Panama
Spiaggia Sapzurro C.
Spiaggia di Sapzurro
DCIM100GOPRO
In barca di ritorno verso Capurganà

Sapzurro si trova subito dopo la frontiera colombiana. È un piccolo villaggio molto tranquillo, con case colorate, ristoranti e qualche ostello.
Le spiagge sono davvero incantevoli e il mare di un azzurro cristallino.
Per tornare a Capurganà, abbiamo preso una lancia più piccola. Il viaggio è stato molto divertente, dato il mare un po’ mosso, la bagnarola ha iniziato a imbarcare un po d’acqua, ovviamente dal lato dove era seduto Luca.

Capurganà l’isola che non c’è! ultima modifica: 2015-07-25T02:14:39+00:00 da Idea Nomade
Posted on: 25/07/2015

Rispondi

Altro... Colombia
#152.Da Cartagena a Capurganà (Meta da Viaggiatori, II Parte)

Sarà che è Venerdì 17 o che abbiamo dormito in una piccola stanza polverosa, ma oggi la giornata inizia proprio...

Chiudi