Escursione in scooter tra i villaggi islamici e la riva del Mekong di Kompong Cham

Kompong Cham è una piccola cittadina che si affaccia sul Mekong, è un ottimo luogo per rilassarsi e assaporare la vita cambogiana.
Qui i ritmi sono decisamente piu tranquilli e basta allontanarsi qualche km per osservare la vera vita nei villaggi rurali.

Traghetto
Traghetto a Kompong Cham per l’isola Koh Pean

Per lungo tempo fu considerata la terza città della Cambogia dopo Phnom Penh e Battambang, ma è stata in seguito surclassata da Siem Reap e Sihanoukville, che hanno conosciuto un rapido sviluppo turistico.

Nella cittadina non ci sono molte attrattive da visitare, una di queste è il tempio Dei Doh Pagoda che si affaccia sul Mekong ed è un caratteristico tempio cambogiano, con diverse stupe e statue, tra cui il Buddha digiunante, raffigurato magrissimo, quasi scheletrico.
Nel giardino, davanti al tempio, una mucca e un cavallo pascolano tranquillamente, mentre un gruppo di bimbi giocava scalzi a calcio.

La passeggiata lungo il Mekong è davvero piacevole per osservare gli abitanti intenti a diverse attività sportive, le donne ballano a ritmo di musica, gli uomini giocano con una specie di palla, in cerchio e bimbi che vanno in bicicletta. Piccoli chioschi vendono bibite o arrostiscono la carne e verso sera, si osservano parecchi giovani, seduti per terra, sorseggiando una birra.
Kompong Cham è famosa anche per il “ponte di bambù“, che viene ricostruito ogni volta a mano, quando viene distrutto dalla piena. Noi purtroppo lo abbiamo osservato mezzo rotto e sommerso dall’acqua. Il ponte viene utilizzato dagli abitanti per raggiungere Koh Paen, un’isola rurale del Mekong; in alternativa si può utilizzare il traghetto locale dove riescono a trasportare biciclette, motociclette e perfino un calasse con cavallo.

IMG_0444
Buddha digiunante, tempio Doi Deh
IMG_4944
Ponte in bambù, distrutto dalla piena del Mekong

Abbiamo affittato lo scooter per gironzolare nei dintorni di Kompong Cham, 3$ tutto il giorno.
Il primo tempio che visitiamo è il Wat Nokor un particolare edificio di stile moderno costruito sulle rovine di un tempio induista del 11 secolo, davvero molto particolare e suggestivo. La struttura architettonica ricorda, anche se in proporzioni minori, quella dei templi di Angkor, con il fossato rettangolare ed il serpente che corre intorno al perimetro.
Il biglietto d’ingresso di 2$ comprende anche la visita alle colline sacre di Phnom Pros e Phnom Srei, situate appena fuori città.
Decidiamo ovviamente di raggiungerle, visto che è compreso nel biglietto e alla fine è stata un’ottima scelta.
Nella collina Phnom Pros, chiamata anche “collina della donna”, si osserva uno splendido tempio bianco, circondato da alberi dove vivono anche dei simpatici macachi.
Nella collina “dell’uomo”, Phnom Srei, il tempio si raggiunge salendo una ripida scalinata. L’edificio è circondato alberi che non ti permettono di avere una bella vista sulla campagna circostante.

IMG_0476
Wat Nokor
IMG_0513
Phnom Pros
IMG_0563
Phnom Srei

Torniamo verso Kompong Cham e decidiamo di percorrere il primo ponte costruito sul fiume Mekong per visitare il faro francese ed i villaggi cham.
Il vecchio faro francese, per anni rimasto abbandonato, recentemente lo hanno ristrutturato, ma non è ancora possibile salirci.
Proseguendo la strada visitiamo un villaggio di cham musulmani, palafitte di legno, mucche e cavalli, persone sorridenti e bimbi che giocano ai lati della strada, ci accolgono.




Il panorama è molto bello grazie anche al sole che riflette sui verdi prati e sul Mekong; qui la vita scorre molto lentamente, seguendo i ritmi della natura.

Mentre percorriamo la strada, godendoci il panorama, ci accorgiamo che la ruota si è sgonfiata completamente, per la prima volta, da quando affittiamo lo scooter in Asia, abbiamo bucato.
Ed eccoci girovagare per i villaggi alla ricerca di qualcuno che ci possa aiutare, ma nessuno sembra disposto. Alla fine troviamo un ragazzo che gentilmente va a comprare una camera d’aria nuova e ci rimette a posto lo scooter, alla modica cifra di 5$.

Ponte
Ponte sul Mekong
IMG_0579
Faro francese
IMG_0596
Villaggio islamico di Cham

Torniamo a Kompong Cham e percorriamo la strada opposta che costeggia il Mekong, proseguiamo per 20 km a nord, osservando altri splendidi villaggi, passando ponti traballanti e ammirando l’imponente serpente d’acqua!

Escursione in scooter tra i villaggi islamici e la riva del Mekong di Kompong Cham ultima modifica: 2016-07-20T16:00:07+00:00 da Idea Nomade
Posted on: 20/07/2016

Rispondi

Altro... Cambogia, Itinerari in scooter, Noleggio Scooter
#517.Da Siem Reap a Kompong Cham (Gli orari cambogiani)

Questa mattina è forse la prima mattina che i cambogiani ci hanno stupito. Alle 7:00 in punto -spaccato il secondo-...

Chiudi