Rio de Janeiro non è solamente spiagge e mare. Ci sono anche le baraccopoli, come la favela di Santa Marta, ora pacificata.
Sono lì, ce ne sono a centinaia, è impossibile non notarle mentre osservi il Cristo Redentore o il Pao de Azucar.

Favela di Santa Marta

Favela di Santa Marta




La Favela pacificata

Le favelas richiamano alla mente luoghi malfamati, con cattive condizioni igieniche, dove i trafficanti e le bande hanno il potere assoluto.
In realtà, le cose sono cambiate. Dal 2008 in alcune favelas si è avviato un processo di pacificazione, ad opera di associazioni umanitarie e di autorità governative, attraverso la creazione UPP, Unidade de Polocia Pacificadora.
Queste politiche hanno causato l’uscita dei trafficanti dall’interno della comunità, migliorandone l’aspetto e soprattutto la vivibilità.

In realtà questo processo ha portato sicuramente ad un miglioramento della vita all’interno della favelas. Allo stesso tempo la polizia continua ad avere un atteggiamento aggressivo e violento contro i suoi abitanti. Con l’arrivo dei vari servizi: acqua e elettricità, il costo della vita é aumentato in maniera vertiginosa e molti abitanti sono stati costretti ad abbandonare le loro abitazioni e a trasferirsi in favelas non pacificate.
A questo bisogna aggiungere che alcune favelas sono state rimosse con la forza per fare spazio ad nuove infrastrutture per i Mondiali di Calcio del 2014 e le successive Olimpiadi del 2016.

IMG_3883

Funicolare gratuita di Santa Marta

IMG_3901

Vista panoramica dalla stazione 3

Come raggiungere la favela di Santa Marta 

La favela di Santa Marta è stata nel 2008 la prima pacificata. Si trova nella zona Sud di Rio, in una delle zone piu turistiche, sopra il quartiere di Botafogo.

IMG_3927

Ingresso alla favela Santa Marta da R.Sào Clemente

Abbiamo deciso di visitare questa favela per conto nostro, senza partecipare a nessun tour organizzato.
Bisogna ammettere che l’impatto non è stato semplice, passi dal lusso delle case di Botafogo all’estrema povertà della favela stessa in poco tempo. Si nota per fortuna che molte baracche sono state ristrutturate e dipinte con colori vivaci da due artisti olandesi, da non perdere la Piazza Cantao, alla base della favela, sul lato sinistro della montagna.

Per salire fino all’estremità della favelas, dal 2008 hanno costruito una piccola teleferica per facilitare la vita degli abitanti. E’ gratuita, i passaggi sono ogni 15 minuti circa.
Alla cima del Morro abbiamo iniziato a gironzolare tra le baracche costruite una sull’altra, tra i cani che abbaiavano, le galline che beccavano e molti bimbi che giocavano.

La Statua di Micheal Jackson

Le persone che abbiamo incontrato sono state molto gentili e ci hanno aiutato a trovare la statua di Michael Jackson.

IMG_3907

Statua di Michael Jackson

Questa zona è stata dedicata al famoso cantante, dopo che ha girato il suo video clip all’interno della favelas nel 1996. Nella piazza si trova una statua eretta a suo onore e un negozietto di gadget realizzati dai bambini della favelas.
Per raggiungerla, bisogna scendere alla stazione 4 e proseguire sempre dritti, oppure dalla stazione 5, scendere tra le casette e girare a destra all’altezza della stazione 4.

Sicurezza

Scendendo i ripidi gradini nelle strettissime viuzze, tra fogne a cielo aperto e bar improvvisati, si notano alcune case dotate di tutti i comfort.
Nonostante la nostra titubanza iniziale, non abbiamo mai avvertito una sensazione di paura. Pensiamo che la favela di Santa Marta stia realmente vivendo un momento di tranquillità.

IMG_3898

Stradine interna alla favela

IMG_3920

Praca Cantao

Non abbiamo idea di come sia la situazione nelle altre favelas di Rio. Leggendo sui giornali, molte favelas vivono ancora in pessime condizioni, occupate dai narco trafficanti e dalla polizia violenta.

Altro... Brasile
Sicurezza sulle spiagge di Rio de Janeiro

A chi non piacerebbe fare un bel tuffo in mare a Ipanema oppure fare una semplice passeggiata sul bellissimo lungomare...

Chiudi