Il Cambiamento

Ciò che più spaventa spesso è la paura di lasciare il vecchio, il passato e il presente, piuttosto che scoprire e costruire il futuro. Cosa che potrebbe essere alquanto stuzzicante e stimolante per la propria crescita, il cambiamento è una malattia strana…

Opera di Banksy. “Io voglio cambiare”

Ecco perchè all’improvviso abbiamo deciso di investire il nostro unico tesoro -il tempo- in un lungo viaggio alla scoperta di nuove verità e per vivere nuove sfide. Pensiamo che la cosa più brutta nella vita delle persone come noi, sia quella di vivere una vita in routine: alzarsi alla stessa ora, andare a lavorare,sentire tutti i giorni le stesse cose, vedere le stesse persone; queste cose si ripetono in loop per settimane e mesi fino alla famigerata vacanza. Siamo stufi della monotonia!!!

Certo, cambiare non è facile, soprattutto dopo anni che si è abituati ad adottare sempre i soliti schemi comportamentali e mentali. Cambiare significa anche prendere delle decisioni importanti, a volte dolorose che equivalgono quasi al lutto.
Spesso non si accetta di cambiare perché si ha paura dell’ignoto e di fallire. Ci si accontenta allora di stare in una situazione sedentaria, vivere una vita di certezze: il contratto di lavoro a tempo indeterminato, il matrimonio e magari dei figli, e non può mancare una bella casa che paghi con un mutuo.




Ognuno ha le risorse necessarie per affrontare i cambiamenti, chi pensa di non avercele è solo perché non le sa riconoscere o non vuole farne uso.

Il cambiamento è la legge della vita. Quelli che guardano solo al passato o al presente, sicuramente perderanno il futuro.
J.F. Kennedy.

Mollare il lavoro, la casa, gli amici e i familiari non è sempre facile come può sembrare, i pensieri brutti affiorano sempre di notte e le ansie disturbano il sonno.
Ma cambiare non significa diventare un’altra persona, significa riuscire ad ascoltarsi, far affiorare le proprie risorse alla coscienza, vivere le proprie emozioni ed usarle per stare bene con se stessi e con gli altri.
Ci sentiamo ”dipendenti” dal lavoro e dalla società, che ci sfrutta e ci logora, per questo motivo vogliamo disintossicarci per sentirci liberi, vogliamo essere vivi.

Il cambiamento, non lo intendiamo come scappare dai problemi comuni,ma bensì essere felici e di poter dire un giorno:” c’è l’ho fatta!” o ”almeno ci ho provato!”

Non vogliamo stare fermi ad aspettare, come nell’opera di BANKSY, ma attraverso un lungo viaggio, vogliamo spezzare le catene della routine e vivere il cambiamento!
Se hai letto i nostri pensieri, speriamo tu riesca a vivere il tuo cambiamento, ti vogliamo lasciare con questa poesia di Julio Numhauser cantata dalla bravissima Mercedes Sosa :

 

Il Cambiamento ultima modifica: 2014-02-10T11:54:52+00:00 da Idea Nomade
Posted on: 10/02/2014

One thought on “Il Cambiamento

Rispondi

Altro... Blog
Perchè la nostra generazione è infelice

Questo articolo, non è scritto da me è stato tradotto da -Il Concetto del Solk-  tratto dal blog WaitBuyWhy. Mi...

Chiudi