Il flashpacker è fondamentalmente un avatar del backpacker, diciamo in versione più tecnologica e con un budget di viaggio leggermente superiore al backpacker.
Se una volta al backpacker per partire bastava uno zaino, il flashpacker è più esigente: lo zaino deve contenere obbligatoriamente un PC portatile (meglio un mini Ipad), la macchina fotografica digitale compatta, uno smartphone con le guide in versione pdf e altre decine di applicazioni utili al viaggio.

Flashpacker vs Backpacker

Il flashpacker pianifica interamente il proprio viaggio, sempre nei minimi dettagli, ma potrebbe decidere all’ultimo momento, di raggiungere la meta finale anziché col treno, ma bensì con il bus, perché per lui ogni mezzo è valido per spostarsi. In qualsiasi posto dorme o con qualsiasi mezzo viaggi, “questo sconosciuto” si documenta prima: confronta i prezzi, legge le recensioni su ogni sito, interroga “virtualmente” i suoi blogger preferiti per sapere se qualcuno c’è già stato, confronta gli ostelli sia per scoprire cosa fare nelle vicinanze, sia per sapere quali vantaggi offre e ogni qualvolta che se ne va non dimentica mai di lasciare un feedback!

Il flashpacker è un cosmopolita travestito da viaggiatore, che molto spesso viaggia con un budget più elevato rispetto al backpacker, privilegia lo stretto contatto con la cultura locale e un’immersione nello stile di vita del luogo per meglio comprenderne gli aspetti più autentici. Questo conquistatore del nuovo millennio e della propria libertà ha interesse a conoscere gli abitanti del luogo, senza trascurare gli usi e i costumi, rispettando sempre l’ecosistema che lo circonda.

In viaggio, il flashpacker addotta sempre alcune precauzioni: avverte almeno una persona di fiducia della sua partenza; calcola la somma di denaro necessaria per trascorrere l’intera giornata o che potrebbe utilizzare per tutto l’arco del viaggio; si informa sulla profilassi medica d’adottare; ha cura di preparare i propri documenti; quando è lontano da casa comunica i propri spostamenti solamente con i social network.

Il flashpacker a differenza del backpacker aggiorna di continuo il suo profilo social: scatta una foto con la macchina digitale, la trasferisce sul computer o tramite il telefono la posta direttamente su Facebook e Flickr. Informa i suoi amici sulla sua posizione con Google Maps, controlla cosa fare nelle vicinanze con WAYN e Foursquare, è sempre connesso, sempre rintracciabile e sempre in contatto col mondo. 

Il flashpacker non è necessariamente un viaggiatore solitario, quasi sempre parte con altre persone, per esempio amici o familiari o si unisce ad altri viaggiatori in corso, indifferentemente dal sesso. Aiuta gli altri viaggiatori, con tutti i dispostivi elettronici che possiede, crea continui account, per poter usufruire dei vari servizi “free” che la rete gli offre, perché come si sa, il suo ostacolo peggiore da superare in viaggio, non sono i problemi di salute, o un ritardo del treno, ma ben si una nazione che censura i Social Network o peggio ancora il proprio Blog!




Il flashpacker adopera attrezzature particolari: zaini da alpinismo di piccola taglia per riporre tutto il suo abbigliamento tecnico, uno secondo zaino ancor più piccolo per il materiale elettronico, che adopera come se fosse il suo ufficio, ovviamente non incolla su di essi i distintivi delle nazioni che ha visitato; ama il GPS, ma anche il coltello multiuso, ha sempre una scheda di memoria in più per la sua macchina fotografica e raramente ha le batterie scariche.

Predilige i tracciati meno battuti e gli spostamenti lenti con mezzi anche inusuali, ma che comunque a fine giornata o alla fine dell’avventura si possa trovare uno spot Wi-Fi!
Dopo queste delucidazioni è chiaro che il Flashpacking è una vacanza fuori dal comune, con la possibilità di distrarre la mente venendo catturati totalmente dalla magia del viaggio, alla ricerca continua di nuove mete e di nuove avventure.
Insomma il flashpacker, viaggia in maniera spontanea, originale e sicuramente in modo tecnologico.
Adesso tocca a voi, siete: flashpacker o backpacker?

Altro... Blog
L’infanzia e i bambini

Gli studi che si sono susseguiti nei secoli ci consentono affermare che l’infanzia sia un’età particolarmente preziosa. Rappresenta la primavera...

Chiudi