Come si organizza il matrimonio low-cost…?
Sembra un’idea assurda ma in realtà con un po’ di in genio e creatività si può realizzare. Bisogna però innanzitutto spiegare che se desideri spendere il meno possibile per il tuo matrimonio, non rappresenti certo la tipica ragazza che sogna fin da bambina una cerimonia da principessa, ma al contrario pensi che quel giorno, bensì importante, non deve farti spendere una fortuna…!

Per la maggioranza delle persone il matrimonio è il giorno più bello della vita, ma anche il più costoso. Le statistiche dicono che per sposarsi ci vogliono circa 25.000-30.000€… una follia, per chi scrive. Ma se calcoliamo una media di 130 invitati, oltre la metà del budget se ne va per il ricevimento, location, abiti, fiori, foto, torta, la musica etc… cifre da capogiro!!!!!
Ecco allora diffondersi il tam-tam del fai-da-te per dare una limata alle spese: chi si ingegna con le bomboniere e partecipazioni fatte in casa, ma alla fine puoi risparmiare pochi euro.
Ma cosa cambia? Alla resa dei conti per sposarsi ci vogliono molti soldi, e oggi molte banche o finanziarie iniziano ad aprire mutui per gli sposi che non vogliono rinunciare alla festa da favola.
Trovando assurdo, inutile, triste dover aprire un mutuo per organizzare il matrimonio, penso che ci sia un modo per spendere davvero meno, per esempio se si sceglie di essere felici insieme, con gli amici e i parenti più cari, rinunciando allo sfarzo eccessivo ma non alla gioia di condividere un giorno speciale. Come si fa? Basta dire basta. E ritoccare (al ribasso) gusti, tradizioni e doveri sociali.
Ecco alcune regole per poter risparmiare, ma vivere ugualmente uno splendido matrimonio:
Gli invitati: invitare solamente le persone a cui realmente tenete, cercando di non badare alle formalità familiari: non è obbligatorio riunire quel giorno l’albero genealogico della vostra famiglia.
Il ricevimento: oltre alla location molto “in” (100€ o più, bevande escluse) ci sono ristoranti, locande, trattorie agriturismi, da 30€ tutto incluso, dove magari la festa è meno formale ma sicuramente più divertente. Senza contare che, invece del pranzo, si può scegliere il buffet o addirittura puntare all’ happy hour più trendy che mai. Gli sposi più modaioli (e mattinieri) hanno lanciato la colazione di nozze. Sì, proprio cappuccino e brioche, con qualche incursione nel brunch (torte dolci e salate, tramezzini e mini wedding cake).
Abiti e accessori: se proprio non volete rinunciare al vestito da principessa, potete cercarlo, per risparmiare, negli outlet tra le collezioni sposa degli anni precedenti. Potete anche rivolgervi negli atelier dei costumi teatrali: abiti da sogni, veli e gioielli da affittare e restituire. Si può anche optare nella scelta di un bel vestito da sera da poter riutilizzare in qualsiasi occasione elegante.
Foto: altra voce importante del budget. Come risparmiare? Chiedendo aiuto ad amici, partenti esperti di foto e video e avrete un bel servizio fotografico del vostro matrimonio; c’è chi opta per le macchine fotografiche usa e getta, posizionate su ogni tavolo degli invitati. Viviamo nell’era degli smartphone……bastano quelli per avere dei bellissimi ricordi!!!
Fiori: se non riesci proprio a rinunciare a riempire la Chiesa con tanti fiori, puoi prendere delle piante da restituire alla fine al vostro vivaio di fiducia… è un’idea molto ecologica. Se siete portate nel realizzare origami, potete confezionare il vostro bouquet con fiori di carta…originale ed elegante!!!
Partecipazioni: il web, in questo caso, viene in aiuto: mandate una email per invitare le persone o condividete su FacciadiLibro l’evento.
Bomboniere: se siete persone creative potrete realizzare da soli i vostri regalini… dai sacchettini riempiti di fragranze, a disegni, a piccoli oggettini. Fatevi aiutare da amiche esperte nel cucito e nel fai-da-te.
In ogni caso, non rinunciate mai e poi mai a: sposarvi nel periodo che preferite e al viaggio di nozze!!! Ormai è alla moda fare la lista nozze viaggio!
Personalmente ho optato per un matrimonio semplice e minimalista: innanzitutto per motivi personali (non siamo credenti), abbiamo scelto di sposarci in Comune, spendendo solamente 15€ circa della marca da bollo.
Nessuna autovettura noleggiata, sostituita con delle ottime bici da Hipster !
Dopo la cerimonia, un ottimo e abbondante buffet, in un Bar vicino al Comune, anche questo da raggiungere, rigorosamente a piedi!.

Per quanto riguarda i vestiti, abbiamo optato entrambi ad indumenti non costosi ma soprattutto da poter indossare anche in altre occasioni.
Il bouquet è stato realizzato da un’amica con fiori di carta, ed infine abbiamo abolito le fedi nuziali e le bomboniere perché parliamoci chiaro, alla fine della fiera:
Sposarsi o non sposarsi non è importante. In ogni caso ti pentirai!
Socrate

Altro... Blog
Flashpacker vs Backpacker

Il flashpacker è fondamentalmente un avatar del backpacker, diciamo in versione più tecnologica e con un budget di viaggio leggermente superiore al...

Chiudi