Che cosa fare dopo un giro del mondo

Che cosa fare dopo il giro del mondo, è questa la classica domanda che vi porrete negli ultimi giorni del vostro viaggio, quando ormai sarete nella via del ritorno!
Ecco perché ho deciso di scrivere questo post, per essere d’aiuto ad altri viaggiatori come me…



In molti parlano sempre di come sia difficile partire per un lungo viaggio, come sia facile viaggiare da un continente all’altro, ma in pochi vi parleranno del loro ritorno a casa, dopo un giro del mondo; non è importante quanto lungo sia stato il viaggio, perché voi sarete inesorabilmente cambiati, quando rientrerete nella “zona confort” o meglio ancora nella vita normale. E bisogna ammettere che è difficile, molto difficile, ecco perché bisogna pensare ad una check list di cose da fare, perché volenti o nolenti la vita per gli altri è continuata e voi dovrete rimettervi al pari, o almeno provarci.

In questo post non troverete giudizi sentimentali, su cosa siete adesso o cosa siete diventati,  ma solo consigli pratici ed è rivolto a tutte quelle persone che hanno voluto intraprendere un lungo viaggio intorno al mondo, ma si adatta anche a tutte le persone che hanno cambiato la loro vita in nome del viaggio.
Per questo ho cercato di stilare un elenco, più o meno dettagliato delle cose che ci saranno da fare al vostro rientro.

Come scegliere la “data del rientro”
Incominciamo proprio dalla data di rientro. Ad un certo punto del vostro viaggio, mentre sarete in spiaggia o a fare un trekking di alta quota, vi capiterà di domandarvi (se non lo farà qualcuno per voi): “Ma che giorno torno a casa?”
I fattori che possono influenzare la scelta sono tante: la stagione, l’affetto dei famigliari, oppure problemi di salute vostri o di qualcuno dei vostri cari, per questo motivo ricordo che per fare il giro del mondo ci vuole tanta fortuna!
Noi avendo vissuto quasi due anni al caldo e sentendo la mancanza dei cari, abbiamo optato per il mese di Dicembre, in modo tale da cogliere due piccioni con una fava!
“Ma quale giorno scelgo?” Questa è la seconda domanda che vi porrete. Noi amiamo il venerdì, è il momento in cui finisce la settimana lavorativa e le persone sono più rilassate, inoltre ci piacciono le date palindrome, per questo abbiamo scelto il venerdì 16-12-16!
Ma non è solo per questo motivo, ma anche perché Dicembre è il mese del Natale e quindi della buona cucina…

Effetto sorpresa
Se siete dei burloni e zuzzurulloni come noi, non potete fare a meno dell’effetto sorpresa, cioè non comunicare a nessuno la vostra data di rientro, oppure segnalarne una fasulla.
Non tutti preferiscono questa soluzione, c’è chi adora farsi venire a prendere all’aeroporto da famigliari e amici, magari con tanta di bottiglia di spumante e stelle filanti, ma noi abbiamo preferito goderci questi istanti in tranquilla solitudine, per assaporare meglio l’effetto sorpresa.
Vi posso garantire che quando mettere di nuovo piede in suolo italiano, le vibrazioni che sentirete saranno uniche e profonde, per questo vi consiglio di godere appieno di questi momenti.

Incontro con i genitori
Saranno loro molto probabilmente, le prime persone che vorrete vedere al vostro rientro a casa. Coloro che avete visto o sentito, ormai da lungo tempo sempre e solo in versione digitale.
Attenzione, c’è un fattore molto importante da tenere in mente. Voi non avete fatto solamente il giro del mondo, ma avete anche viaggiato nel tempo, perché i vostri ricordi riguardo i vostri famigliari, saranno fermi alla data di partenza, per questo motivo, non vi spaventate se troverete i vostri genitori, fratelli e sorelle invecchiate, è del tutto normale! Non fategli mancare il vostro calore e nel caso concedetevi lacrime di gioia, cercate sempre di esternare il più possibile le vostre emozioni.

Incontro con amici
Troverete i vostri amici di sempre molto cambiati, sembrerà cosa ovvia, ma nel lasso di tempo in cui voi siete stati in viaggio, loro hanno continuato la loro vita, ognuno a modo diverso, ognuno con la sua strada, ma una cosa dovete sicuramente fargli sentire, il vostro affetto!

Poi ci sono altre cose che vi aspettano al vostro rientro, cose più pratiche e importanti a cui non potrete assolvervi, perché volenti o dolenti sono da affrontare e in ordine sono:

Casa
Se avete una casa, come nel nostro caso, le cose da fare sono tante, se non è il vostro caso andate pure avanti.
Nella speranza che la vostra casa non sia stata occupata da nessuno e il vostro affittuario ve l’abbia tenuta bene, potrete finalmente ritornare a dormire nel vostro letto e cagare nel vostro cesso.
Comunque a parte gli scherzi, avvisati l’amministratore del vostro rientro, controllate che tutte le utenze (gas e luce in primis) siano apposto.
Adesso non vi rimane che riprendere tutti gli abiti e le cose che avevate lasciato in cantina, andate con calma e iniziate sempre dalle cose di prima necessità, io ho preferito andare prima in un negozio di telecomunicazione e fare subito una nuova richiesta di linea internet, forse è stata la prima cosa fatta in assoluta appena rientrato in Italia.




Assicurazione Sanitaria
Proseguendo in ordine d’importanza, non vi rimane che disdire l’assicurazione sanitaria. Nel nostro caso specifico, ci rimanevano ancora un mese e mezzo circa di copertura assicurativa. Abbiamo contattato telefonicamente l’assicurazione e previa spedizione di una mail, l’abbiamo annullata, ma ricordate che comunque nel tempo che vi rimane sarete ugualmente coperti dall’assicurazione.

Visite mediche e salute
Non dimenticatevi del vostro stato di salute. Ad esempio, noi in questi due ultimi anni di viaggio, non abbiamo mai fatto un esame del sangue e una visita dentistica, inoltre, se come me avete avuto qualche problemino di salute, cercate subito di andare dal vostro medico di famiglia e spiegategli che cosa avete avuto e dove siete stati, al resto ci penserà lui!
Comunque nella norma, non mancate l’appuntamento con un esame del sangue completo e una buona detartrasi!

Lavoro
Questo è un i fattore strettamene personale. Dipende molto dalla vostra situazione finanziaria, perché se siete senza soldi e con l’acqua alla gola, dovrete sicuramente cercare lavoro. Nel dubbio, mandate a tutti il vostro cv, sin da subito, tanto è una operazione che non costa nulla e se sarete fortunati come me, verrete contattati da qualche azienda per una nuova avventura.
Ma il consiglio più importante che posso darvi è quello di prendervi tutto il tempo necessario per decidere che cosa fare della vostra carriera lavorativa, nel mio caso ho declinato già un’offerta, perché non mi sentivo ancora pronto a rinchiudermi in ufficio.

Finanza
Anche questa voce dipende sempre dal vostro conto bancario. Nel caso abbiate carte di credito o debito che non utilizzate più perché le avevate fatte appositamente per il viaggio, adesso non vi rimane che andare in filiale e disdirle, perché è inutile pagare per qualcosa che non serve. Ricordatevi ben questa ultima frase.
L’unico vantaggio che avrete rispetto alle altre persone che hanno continuato la loro vita nella loro quotidianità, è che voi sarete diventati dei veri e propri tirchi! Scherzo, perché sarete diventati dei veri e propri risparmiatori, vedrete che la vostra spesa sarà centrata solo sulle cose che veramente sono utili e indispensabili, mentre tutto il resto diventerà superfluo.
Comunque se vi siete spesi tutti i vostri risparmi nel viaggio intorno al mondo, vi consiglio di incominciare a reinventarvi e al più presto, perché il mondo globalizzato corre molto velocemente e non vi aspetterà.
Per esempio noi, abbiamo incominciato ad affittare una stanza di casa nostra tramite il sito di Airbnb, giusto per avere almeno una piccola entrata.

Che cosa fare dopo un giro del mondo ultima modifica: 2017-02-22T09:04:10+00:00 da Idea Nomade

Rispondi

Altro... Blog
Assaggi da tutto il Mondo: istruzioni per l’uso!

Una delle mie tante passioni, mentre sono in viaggio, è sicuramente quella del cibo, con tutte le sue sfumature... Se...

Chiudi