Che cosa vedere a Popayan e Silvia

Popayan
Popayan è una delle più belle cittadine coloniali della Colombia.
Appena si arriva nella piazza centrale si viene abbagliati dal bianco delle facciate delle case e degli edifici, infatti Popayan viene anche denominata “La Ciudad Blanca“.
Il suo centro cittadino si può visitare semplicemente a piedi, ammirando le case, gli edifici storici e le sue innumerevoli chiese.

Parque Caldas Popayan C.
Parque Caldas

Nel Parque Caldas, la piazza centrale, si trova la Cattedrale, la chiesa piu recente di Popayan, eretta nel 1900.
Accanto ci sono vari edifici, sempre con le facciate bianche, tra cui le banche e sil Municipio. In questa tipica piazza sud americana, le persone si incontrano, chiacchierando seduti su una panchina e ascoltando la musica improvvisata da gruppi tradizionali.
Un’altra chiesa da ammirare è l’Iglesia de San Francisco, la più grande chiesa coloniale della città.

Vista Popayan C.
Vista di Popayan dal Cerro
Iglesia San Francisco Popayan C
Iglesia San Francisco
Iglesia La Ermita Popayan C.
Iglesia La Ermita
Chiesa Popayan C.
Iglesia Santo Domingo
Cattedral Popayan C.
Cattedral di Popayan
Cattedral Popayan C.
Torre dell’Orologio

La piu antica invece è l’Iglesia La Ermita, costruita nel 1546. Di sera è illuminata di viola e la rende ancora più affascinante.
Per ammirare Popayan dall’alto si puo salire o sulla collina dove si trova la Cappella di Belen o, come abbiamo fatto noi, salire sul El Morro de Tulcan, dove si trova il monumento del fondatore della città.
Il sentiero non è per niente faticoso ed è sorvegliato dalla polizia. La vista a 360° è davvero molto bella e si riesce a scorgere il bianco abbagliante della cattedrale e delle case.
Passeggiando per il centro vi imbatterete nel bellissimo piccolo ponte in pietra che unisce il centro e la parte settentrionale della città. Si chiama Puente de la Custodia e fu costruito nel 1713 per permettere ai sacerdoti di attraversare il fiume.
Accanto a questo ponte ne hanno costruito un altro più moderno ma soprattutto maggiormente solido, Punte de Humilladero.

Silvia
Il nostro primo contatto con una popolazione indigena avviene in questo piccolo villaggio di montagna che si trova a 53 km da Popayan.
Il martedì è il giorno di mercato e tutti gli abitanti di Silvia e dei paesi limitrofi si riuniscono nella piazza per esporre la propria merce.
I bus che partono dal Terminal di Transporte di Popayan e che arrivano a Silvia, si fermano nella piazza centrale, il costo è di 6.000$COP p/p a cadenza oraria.

IMG_8192
Donne nei classici vestiti indigeni
IMG_8181
Vista di Silvia
IMG_8174
Donne al mercato di Silvia

Appena scesi dal bus, osserviamo le persone, i loro visi e ci rendiamo conto di quanto i loro lineamenti si siano modificati. Infatti Silvia e i paesi vicini sono abitati da questa popolazione indigena, i Guambianos.




Il martedì arrivano a Silvia su bus colorati, su moto scassate o semplicemente a piedi per partecipare al mercato. Sono vestiti con i loro abiti tradizionali: gli uomini con una gonna blu, il poncho e la bombetta; anche le donne indossano una gonna, il poncho e talvolta una bombetta, portano sempre una borsa bianca di tela, messa al contrario e il loro collo è attorniato da bellissime collane bianche.
Questa popolazione non parla solamente spagnolo, ma una loro lingua, si dedicano all’agricoltura, utilizzando tecniche arcaiche.
Le donne invece sono delle ottime tessitrici e si possono osservare mentre tessano la lana, sedute nella piazza o addirittura camminando per strada.
Il mercato inizia già dal mattino presto, fino al primo pomeriggio. Si possono trovare bancarelle che vendono i prodotti della terra o oggetti artigianali. Altre invece vendono vestiti usati o oggetti di ferramenta.
Una zona è dedicata alla ristorazione, allestiscono una vera cucina da campo.
In generale i Guambianos sono schivi e non amano essere fotografati. Ma passeggiando per le bancarelle, ho ricevuto tanti sorrisi e sguardi incuriositi.
Oltre al mercato, la cittadina di Silvia non offre molte attrattive turistiche. Ma se volete osservarla dall’alto, si può correre una strada che dalla piazza centrale sale verso una collinetta, dove è stata edificata una piccola chiesa. La vista sulla cittadina e sulla vallata è davvero splendida, si possono scorgere mucche e cavalli liberi di pascolare attorno a un laghetto.
Ricordatevi che Silvia si trova in montagna, quindi vi consiglio di portarvi una maglia e una giacca anti pioggia, il clima cambia molto velocemente e se patite il bus anche la Xamamina.

Posted on: 30/07/2015

Rispondi

Altro... Che cosa vedere o fare a..., Colombia
#160.Da Medellin a Popayan (Camminare con gli Zaini)

Se cè una cosa che sappiamo fare bene, da quando abbiamo iniziato questo viaggio è camminare. Ormai riusciamo a camminare...

Chiudi